Un nuovo farmaco mirato contro una comune mutazione all’origine dei tumori rivoluziona la terapia del cancro. Il Gestore di portafoglio Andy Acker e l’Analista della ricerca Agustin Mohedas illustrano i vantaggi delle scoperte scientifiche per pazienti e settore biofarmaceutico.

In sintesi

  • L'approvazione del primo farmaco oncologico specifico per le cosiddette mutazioni del gene KRAS rappresenta una pietra miliare nella cura dei tumori.
  • Il farmaco appartiene alla categoria delle terapie mirate per il cancro (sempre più numerose) in grado di migliorare sensibilmente il risultato per il paziente.
  • Per il comparto biofarmaceutico, questi medicinali potrebbero essere un’importante fonte di reddito, dato che la scadenza dei brevetti e la concorrenza dei generici pesano sulle vendite dei farmaci in commercio già da molto tempo.

È stata definita la Morte Nera delle mutazioni all’origine dei tumori e si è parlato di un possibile farmaco in grado di annientarla come del Santo Graal della ricerca sul cancro.   Ma finalmente il mese scorso la Food and Drug Administration statunitense (FDA) ha approvato la prima terapia mirata per il KRAS, uno degli oncogeni più soggetto a mutazioni riscontrabile nei casi di cancro nell’uomo. La mutazione compare spesso nel tumore ai polmoni e al colon retto ed è una firma del cancro al pancreas, che presenta uno dei tassi di sopravvivenza a 5 anni più bassi fra tutti i tipi di cancro. Insomma, questa straordinaria scoperta medica che arriva dopo circa 40 anni di ricerca è una grande conquista.

Boom della ricerca sul cancro

La novità si colloca inoltre all’interno di un ampio trend in atto nel settore biofarmaceutico. Poiché sempre più aree della medicina risentono della concorrenza dei generici, la ricerca si è indirizzata verso l’oncologia e altre categorie di malattie con importanti esigenze mediche non soddisfatte. Al contempo, i costi del sequenziamento del DNA sono diminuiti, passando da circa 1 miliardo di dollari nei primi anni 2000 (quando è stato mappato il primo genoma umano) a poche centinaia di dollari, consentendo un forte ampliamento della ricerca sulle malattie genetiche, compreso il cancro. Di conseguenza le nuove terapie antitumorali si sono moltiplicate e costituiscono oggi oltre il 30% di tutti i nuovi farmaci approvati dalla FDA negli ultimi anni (cfr. grafico).

Approvazioni di nuovi farmaci da parte della FDA (2015–2021)

article-image_biopharmas-targeted-approach-to-growth_chart01_IT
Fonte: FDA, data al 7 giugno 2021. I dati sulle terapie antitumorali comprendono i medicinali che trattano gli effetti collaterali dei trattamenti contro il cancro.

Crediamo che il trend proseguirà e avrà importanti implicazioni per il settore biofarmaceutico. La cura del cancro si sta evolvendo rispetto all’approccio diretto basato su chemioterapia a radiazioni, che puntano a distruggere tutte le cellule che si dividono rapidamente e fanno fatica a distinguere fra tessuti sani e tumori. Le nuove terapie colpiscono specificamente mutazioni pilota responsabili del cancro, come quella del KRAS, si tratta quindi di farmaci più efficaci e meglio tollerati in grado di aumentare la sopravvivenza e la qualità della vita.

Un approccio più mirato

Nelle cellule sane, il KRAS funge da interruttore on-off per il controllo della crescita delle cellule. Quando il gene muta può restare bloccato in posizione “on” consentendo una moltiplicazione incontrollata delle cellule. Il farmaco mirato contro il KRAS approvato dalla FDA, cioè il Lumakras (sotorasib), è indicato per pazienti adulti con tumore del polmone non a piccole cellule, la forma più comune di cancro ai polmoni (circa 200.000 diagnosi ogni anno solo negli USA1). Per i pazienti con malattia in stadio avanzato di norma non esiste una cura. Nei trial clinici, oltre un terzo dei pazienti trattati con il Lumakras ha evidenziato una riduzione significativa del tumore. In oltre la metà di essi gli effetti del farmaco sono durati sei mesi o più, con un netto miglioramento della sopravvivenza libera da progressione.

Lumakras mira a un preciso tipo di mutazione, quella del KRASG12C, presente in circa il 13% dei pazienti affetti da tumore del polmone non a piccole cellule, anche se esistono altre variazioni della mutazione. Le mutazioni del KRAS sono riscontrabili in circa il 25% di tutti i tumori, quindi l’opportunità di mercato è enorme.2 Di conseguenza, diverse altre società stanno sviluppando farmaci mirati contro il KRAS e almeno una di queste sottoporrà il proprio prodotto alla FDA nel corso dell’anno.

Sino a non molto tempo fa, il KRAS era un bersaglio difficile per via delle caratteristiche della proteina codificata dal gene, che non aveva un chiaro punto di ingresso per un farmaco. Ma dopo anni di studi su migliaia di molecole, i biochimici sono riusciti a trovare non solo un punto di ingresso ma anche una caratteristica peculiare delle proteine codificate dal KRAS mutato. Queste scoperte hanno consentito agli scienziati di sviluppare un trattamento estremamente mirato che colpisce solo le cellule tumorali risparmiando quelle sane.

Crescita del fatturato del settore biofarmaceutico

Una simile specificità è il futuro della cura del cancro ed è possibile grazie al progresso tecnologico. Infatti le nuove tecnologie per lo sviluppo di farmaci a piccole molecole, comprese la progettazione dei farmaci structure-based (che utilizza la visualizzazione 3D delle proteine per lo sviluppo dei farmaci) e la degradazione mirata delle proteine (che si avvale del naturale sistema di eliminazione dei rifiuti per individuare e distruggere le proteine del cancro), riescono a colpire target un tempo impossibili da colpire. Ecco perché, secondo la ricerca presentata alla riunione dell’American Society of Clinical Oncology di quest’anno, fra il 2010 e il 2019 il numero deille formulazioni per la cura del cancro nella fase finale dei trial clinici è aumentato dell’80%.3

Al contempo il settore farmaceutico è consapevole del potenziale di crescita, investe miliardi di dollari in ricerca e sviluppo, collabora con altri enti e acquisisce aziende biotecnologiche pionere in diversi ambiti di ricerca. Di conseguenza, mentre i proventi da alcuni farmaci molto popolari4 iniziano a diminuire a causa della maggiore concorrenza dei generici, il fatturato delle società biofarmaceutiche in ambito oncologico sta salendo alle stelle.

Fatturato complessivo dei principali farmaci di selezionate società farmaceutiche o biotech

article-image_biopharmas-targeted-approach-to-growth_chart02_IT
Fonte: S&P Global Market Intelligence.
Nota: L’analisi si limita ai tre farmaci principali di selezionate società quotate dei settori biotecnologico e farmaceutico. Le società sono: AbbVie Inc., Merck & Co. Inc., Bristol-Myers Squibb Co., Pfizer Inc., Johnson & Johnson, Gilead Sciences Inc., Amgen Inc., Novartis AG, Eli Lilly & Co., Sanofi, AstraZeneca PLC, Novo Nordisk A/S e GlaxoSmithKline PLC. Sulla base di Form 10-K, pubblicazioni di utili o altre relazioni annuali al 31 dicembre 2020. I dati sul fatturato non in USD sono stati convertiti al tasso di cambio medio del relativo periodo di pubblicazione.

Per i prossimi 10 anni prevediamo un proseguimento del trend, soprattutto alla luce delle maggiori capacità dei big data e del machine learning, della scoperta di nuovi target per i farmaci e di una classe media sempre più folta (e sempre più anziana) a livello mondiale che alimenta la domanda di nuovi trattamenti contro il cancro. A nostro avviso le grandi società farmaceutiche e biotech che integrano approcci mirati per il cancro in una pipeline diversificata di nuovi farmaci potrebbero incrementare la crescita, compensando l’impatto negativo della scadenza dei brevetti e sorprendendo gli investitori.

 

 

1American Cancer Society. Dati stimati per il 2021, al 12 gennaio 2021.
2The University of Texas MD Anderson Cancer Center, al 12 febbraio 2021.
3“Temporal Trends in Oncology Drug Revenue Among the World’s Major Pharmaceutical Companies: A 2010-2019 Cohort Study,” Daniel E. Meyers, M.D., M.Sc., University of Calgary. 2021 Annual ASCO Meeting, 4 giugno 2021.
4Farmaco che genera un fatturato annuo di almeno 1 miliardo di dollari USA.