Investire nei modelli di business: opportunità in piena crisi

In sintesi

  • La sostenibilità dei modelli di business delle singole aziende in Nord America è diventata un aspetto sempre più rilevante nel contesto economico creato dalla pandemia del Covid-19.
  • La maggior parte delle imprese è stata messa a dura prova in modo inaspettato, ma in piena crisi sono emerse alcune opportunità.
  • È importante sottolineare che individuare modelli di business che godono di vantaggi competitivi può ridurre il rischio di perdite permanenti in conto capitale, che a nostro avviso dovrebbe essere la preoccupazione principale per gli investitori con un orizzonte di lungo termine.

Contenuto dell'articolo

Gli shock di mercato e l'incertezza economica possono dare maggiore risalto al ruolo dei modelli di business. Lo ha senz'altro dimostrato la situazione in Nord America agli inizi di quest'anno, quando le aziende sono state costrette a fare i conti con la chiusura quasi totale dell'economia. Questo contesto economico perturbato ha messo in evidenza chiare differenze tra le imprese e per quanto riguarda le loro prospettive a lungo termine. Siamo convinti che individuando modelli di business incompresi, sottovalutati e sottostimati gli investitori possano ridurre il potenziale di perdite permanenti in conto capitale e aumentare la probabilità di guadagni a lungo termine.

Crisi e opportunità

Il contesto economico creato dalla pandemia ha messo alla prova i modelli di business come mai prima d'ora. Il settore dei servizi, che storicamente tende a registrare buone performance durante le recessioni, è stato particolarmente penalizzato. L'economia ha iniziato a riaprire, ma le società tipicamente anticicliche hanno subito un rinvio o una distruzione della domanda: ad esempio, le procedure mediche sono state rinviate, la partecipazione a concerti ed eventi sportivi è stata annullata e i viaggi sono stati notevolmente ridotti. Nessuno avrebbe potuto prevedere l'azzeramento e/o la netta riduzione dei ricavi di queste aziende e i mercati hanno reagito in modi assai imprevisti, visto che i precedenti storici non fornivano indicazioni utili.

Le società con una leva finanziaria elevata (che per finanziare le loro operazioni si affidano in una certa misura al debito) sono state penalizzate in modo sproporzionato (e piuttosto indiscriminato) durante la fase di volatilità di mercato iniziale legata alla pandemia. I tassi d'interesse estremamente bassi e il sostegno della Federal Reserve (Fed) hanno permesso a molte società sotto pressione a causa dei bilanci in sofferenza di raccogliere capitale tramite l'emissione di debito e azioni. Quando i mercati hanno iniziato a individuare le aziende che hanno intaccato il capitale, abbiamo assistito all'energica ripresa di alcune società di alta qualità con un certo grado di leva finanziaria. Pertanto, la capacità di comprendere le imprese che dal punto di vista finanziario erano in grado di affrontare questo contesto e di uscirne in una posizione di forza è stata fondamentale.

Forse l'effetto più notevole deriva dalla diffusa digitalizzazione dell'economia, un tema che era ben avviato già prima della pandemia e che ha evidenziato una netta accelerazione. Con la rivoluzione digitale, i vantaggi competitivi delle aziende in grado non solo di operare, ma anche di prosperare nel pieno della crisi sono stati amplificati. Lo dimostra l'enorme divario di performance tra i titoli growth e i value, ascrivibile principalmente al predominio di una manciata di società tecnologiche ad alta capitalizzazione. Alcune società tecnologiche sono state le principali beneficiarie di questa dinamica, ma è possibile trovare modelli di business solidi e in linea con la rivoluzione digitale in qualsiasi settore dell'economia. Si tratta di aziende in aree meno ovvie che, tuttavia, usciranno rafforzate dalla recessione.

Con la rivoluzione digitale, i vantaggi competitivi delle aziende in grado non solo di operare, ma anche di prosperare nel pieno della crisi sono stati amplificati."

Livelli di volatilità dei mercati come quelli osservati quest'anno possono offrire opportunità a chi ha la capacità di investire in modelli di business durevoli con un orizzonte temporale a lungo termine. Abbiamo individuato opportunità in azioni di società i cui modelli di business hanno continuato a dare buoni risultati (o a migliorare), ma la cui quotazione ha nettamente sottoperformato, in genere a causa della leva finanziaria. Anche le aziende le cui attività hanno chiaramente risentito dell'improvviso arresto dell'economia, ma le cui azioni sono state penalizzate in misura a nostro avviso ingiustificata hanno offerto buone occasioni.

Il rischio come perdita permanente in conto capitale

Preferiamo definire il rischio in senso assoluto come la perdita permanente in conto capitale, perché diventa difficile raggiungere l'obiettivo della crescita del capitale a lungo termine quando in un investimento il capitale viene definitivamente compromesso. Una perdita permanente in conto capitale può verificarsi in caso di deterioramento del valore a lungo termine di una società, ad esempio quando l'azienda rischia di diventare obsoleta, come nel caso dei commercianti al dettaglio tradizionali o delle aziende molto legate ai combustibili fossili. La digitalizzazione generalizzata ha puntato i riflettori su molti modelli di business che rischiano l'obsolescenza.

Il valore del capitale può diminuire anche quando una società è costretta a emettere ulteriori azioni per far fronte a problemi di liquidità o di indebitamento, diluendo il valore delle azioni esistenti. La pandemia ha innescato un'ondata di emissioni di azioni, ma alcune società sono riuscite a evitarle mantenendo bilanci solidi e flussi di cassa stabili.

Per evitare il rischio di perdite permanenti in conto capitale, a nostro parere è essenziale che gli investitori sappiano in cosa investono. È importante comprendere e investire in modelli di business durevoli, in aziende in grado di generare rendimenti interessanti in modo sostenibile, al fine di cogliere il valore della crescita composta nel tempo. Inoltre, è fondamentale concentrarsi sulle valutazioni, acquistando società che quotano nettamente a sconto rispetto al valore equo stimato con l'obiettivo di realizzare pienamente tale valore durante il periodo di detenzione. Idealmente, un investimento consegue gli obiettivi di crescita composta e di realizzazione del valore grazie alla solidità del suo modello di business.

Come abbiamo visto, la pandemia ha presentato una serie di sfide economiche inedite che hanno messo a nudo la vulnerabilità di alcuni modelli di business e creato opportunità per altri. Quest'anno ha rafforzato la nostra convinzione che concentrarsi su modelli di business durevoli ed evitare perdite permanenti in conto capitale possono essere strumenti poderosi in un processo d'investimento con un orizzonte di lungo termine.

Leggi di più Equity Perspectives

ARTICOLO PRECEDENTE

Immobiliare globale: verso la fine dell'anomalia?

Guy Barnard, Tim Gibson e Greg Kuhl, Gestori di portafogli immobiliari globali, illustrano le convinzioni errate che gli investitori potrebbero avere sul settore immobiliare dopo la pandemia del Covid-19 e spiegano perché il team ritiene che l'immobiliare sia ancora un'asset class interessante e rilevante.

ARTICOLO SUCCESSIVO

È giunto il momento della rinascita europea?

John Bennett, Direttore delle azioni europee, illustra il potenziale punto di svolta sui mercati che potrebbe spingere le azioni europee a competere con la lunga e all'apparenza inarrestabile fase rialzista del mercato statunitense.

Queste sono le opinioni dell'autore al momento della pubblicazione e possono differire da quelle di altri soggetti/team di Janus Henderson Investors. Eventuali titoli, fondi, settori e indici citati nel presente articolo non costituiscono né fanno parte di alcuna offerta o invito all'acquisto o alla vendita.

 

I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri. Tutti i dati dei rendimenti includono sia il reddito che le plusvalenze o le eventuali perdite ma sono al lordo dei costi delle commissioni dovuti al momento dell'emissione.

 

Le informazioni contenute in questo articolo non devono essere intese come una guida all'investimento.

 

Ai soli fini promozionali.

 

Glossario

 

 

 

 

Informazioni importanti

Si prega di leggere attentamente le seguenti informazioni sui fondi citati in questo articolo.

Tutti i contenuti del presente documento hanno solo scopo informativo o di utilizzo generale e non riguardano nello specifico i requisiti di singoli clienti. Janus Henderson Capital Funds Plc è un OICVM di diritto irlandese con separazione patrimoniale tra i comparti. Si ricorda agli investitori che le rispettive decisioni d'investimento vanno intraprese solo in virtù del Prospetto più recente che contiene informazioni su commissioni, spese e rischi ed è disponibile presso tutti i distributori e gli agenti per i pagamenti e va letto con attenzione. Il fondo può non essere adatto a tutti gli investitori e non è disponibile per tutti gli investitori in tutte le giurisdizioni. Non è disponibile per i soggetti statunitensi. I rendimenti passati non sono indicativi dei risultati futuri. Il tasso di rendimento può variare e il valoredel capitale investito è soggetto a oscillazioni a causa dell'andamento del mercato e dei tassi di cambio. In caso di rimborso, il valore delle azioni può essere maggiore o minore del rispettivo costo iniziale. Il presente documento non costituisce una sollecitazione alla vendita di azioni e nessun contenuto dello stesso è da intendersi come una consulenza agli investimenti. Henderson Management SA può decidere di risolvere gli accordi di commercializzazione di questo Organismo d'investimento collettivo del risparmio in conformità alla normativa applicabile.
    Specific risks
  • Le azioni possono perdere valore rapidamente e normalmente implicano rischi più elevati rispetto alle obbligazioni o agli strumenti del mercato monetario. Di conseguenza il valore del proprio investimento potrebbe diminuire.
  • Le azioni di società a piccola e media capitalizzazione possono presentare una maggiore volatilità rispetto a quelle di società più ampie e talvolta può essere difficile valutare o vendere tali azioni al momento e al prezzo desiderati, il che aumenta il rischio di perdite.
  • Un Fondo che presenta un’esposizione elevata a un determinato paese o regione geografica comporta un livello maggiore di rischio rispetto a un Fondo più diversificato.
  • Questo Fondo può avere un portafoglio particolarmente concentrato rispetto al suo universo d’investimento o altri fondi del settore. Un evento sfavorevole riguardante anche un numero ridotto di partecipazioni potrebbe creare una notevole volatilità o perdite per il Fondo.
  • Il Fondo potrebbe usare derivati al fine di conseguire il suo obiettivo d'investimento. Ciò potrebbe determinare una "leva", che potrebbe amplificare i risultati dell'investimento, e le perdite o i guadagni per il Fondo potrebbero superare il costo del derivato. I derivati comportano rischi aggiuntivi, in particolare il rischio che la controparte del derivato non adempia ai suoi obblighi contrattuali.
  • Qualora il Fondo detenga attività in valute diverse da quella di base del Fondo o l'investitore detenga azioni in un'altra valuta (a meno che non siano "coperte"), il valore dell'investimento potrebbe subire le oscillazioni del tasso di cambio.
  • I titoli del Fondo potrebbero diventare difficili da valutare o da vendere al prezzo e con le tempistiche desiderati, specie in condizioni di mercato estreme con il prezzo delle attività in calo, aumentando il rischio di perdite sull'investimento.
  • Il Fondo potrebbe perdere denaro se una controparte con la quale il Fondo effettua scambi non fosse più intenzionata ad adempiere ai propri obblighi, o a causa di un errore o di un ritardo nei processi operativi o di una negligenza di un fornitore terzo.
Tutti i contenuti del presente documento hanno solo scopo informativo o di utilizzo generale e non riguardano nello specifico i requisiti di singoli clienti. Janus Henderson Capital Funds Plc è un OICVM di diritto irlandese con separazione patrimoniale tra i comparti. Si ricorda agli investitori che le rispettive decisioni d'investimento vanno intraprese solo in virtù del Prospetto più recente che contiene informazioni su commissioni, spese e rischi ed è disponibile presso tutti i distributori e gli agenti per i pagamenti e va letto con attenzione. Il fondo può non essere adatto a tutti gli investitori e non è disponibile per tutti gli investitori in tutte le giurisdizioni. Non è disponibile per i soggetti statunitensi. I rendimenti passati non sono indicativi dei risultati futuri. Il tasso di rendimento può variare e il valoredel capitale investito è soggetto a oscillazioni a causa dell'andamento del mercato e dei tassi di cambio. In caso di rimborso, il valore delle azioni può essere maggiore o minore del rispettivo costo iniziale. Il presente documento non costituisce una sollecitazione alla vendita di azioni e nessun contenuto dello stesso è da intendersi come una consulenza agli investimenti. Henderson Management SA può decidere di risolvere gli accordi di commercializzazione di questo Organismo d'investimento collettivo del risparmio in conformità alla normativa applicabile.
    Specific risks
  • Le azioni possono perdere valore rapidamente e normalmente implicano rischi più elevati rispetto alle obbligazioni o agli strumenti del mercato monetario. Di conseguenza il valore del proprio investimento potrebbe diminuire.
  • Le azioni di società a piccola e media capitalizzazione possono presentare una maggiore volatilità rispetto a quelle di società più ampie e talvolta può essere difficile valutare o vendere tali azioni al momento e al prezzo desiderati, il che aumenta il rischio di perdite.
  • Un Fondo che presenta un’esposizione elevata a un determinato paese o regione geografica comporta un livello maggiore di rischio rispetto a un Fondo più diversificato.
  • Questo Fondo può avere un portafoglio particolarmente concentrato rispetto al suo universo d’investimento o altri fondi del settore. Un evento sfavorevole riguardante anche un numero ridotto di partecipazioni potrebbe creare una notevole volatilità o perdite per il Fondo.
  • Il Fondo potrebbe usare derivati al fine di ridurre il rischio o gestire il portafoglio in modo più efficiente. Ciò, tuttavia, comporta rischi aggiuntivi, in particolare il rischio che la controparte del derivato non adempia ai suoi obblighi contrattuali.
  • Il Fondo potrebbe usare derivati al fine di conseguire il suo obiettivo d'investimento. Ciò potrebbe determinare una "leva", che potrebbe amplificare i risultati dell'investimento, e le perdite o i guadagni per il Fondo potrebbero superare il costo del derivato. I derivati comportano rischi aggiuntivi, in particolare il rischio che la controparte del derivato non adempia ai suoi obblighi contrattuali.
  • Qualora il Fondo detenga attività in valute diverse da quella di base del Fondo o l'investitore detenga azioni in un'altra valuta (a meno che non siano "coperte"), il valore dell'investimento potrebbe subire le oscillazioni del tasso di cambio.
  • Se il Fondo, o una sua classe di azioni con copertura, intende attenuare le fluttuazioni del tasso di cambio tra una valuta e la valuta di base, la stessa strategia di copertura potrebbe generare un effetto positivo o negativo sul valore del Fondo, a causa delle differenze di tasso d’interesse a breve termine tra le due valute.
  • I titoli del Fondo potrebbero diventare difficili da valutare o da vendere al prezzo e con le tempistiche desiderati, specie in condizioni di mercato estreme con il prezzo delle attività in calo, aumentando il rischio di perdite sull'investimento.
  • Il Fondo potrebbe perdere denaro se una controparte con la quale il Fondo effettua scambi non fosse più intenzionata ad adempiere ai propri obblighi, o a causa di un errore o di un ritardo nei processi operativi o di una negligenza di un fornitore terzo.