L'analisi da parte del team Portfolio Construction and Strategy (PCS) suggerisce che tre dei principali timori degli investitori possono essere affrontati inserendo i REIT in un portafoglio diversificato.

In sintesi

  • I REIT possono potenzialmente beneficiare dei periodi in cui è prevista un'accelerazione dell'inflazione e della crescita economica, dato che di norma generano un flusso di reddito affidabile e orientato alla crescita.
  • Gli investitori che vogliono diversificare i flussi di reddito possono prendere in considerazione un'allocazione ai REIT, che mirano a generare redditi più prevedibili e rendimenti interessanti offrendo al contempo un potenziale di crescita.
  • Per gli investitori preoccupati per la concentrazione di azioni statunitensi e di titoli tecnologici nel portafoglio, i REIT sono una potenziale fonte di diversificazione in caso di volatilità nel settore tecnologico.

Le aspettative del mercato su inflazione e crescita economica sono in rialzo, in un contesto in cui le economie cominciano a riprendersi dalla crisi del Covid. I riflettori rimangono puntati sull'incremento dei prezzi e probabilmente a ragione: dopo aver seguito una traiettoria al ribasso dal 1980, passando dal 15% a circa il 2% nell’ultimo decennio1, l’inflazione sta ora risalendo. Che si tratti di un incremento transitorio o meno, ci troviamo in uno scenario nuovo rispetto al passato, che richiede un esame attento delle soluzioni innovative nella diversificazione delle asset class.

Il team PCS è convinto che tre delle preoccupazioni più diffuse tra gli investitori possano essere risolte inserendo i REIT in un portafoglio diversificato. I REIT possono essere una soluzione adatta per gli investitori preoccupati dell’incremento dell’inflazione, per coloro che sono alla ricerca di reddito in un contesto prolungato di bassi tassi di interesse e per coloro che puntano a diversificare la concentrazione di titoli growth statunitensi e tecnologici all'interno della componente azionaria dei portafogli.