La pandemia di Coronavirus ha messo in discussione molti paradigmi accettati nel mondo degli investimenti, ponendo diversi settori di fronte ad avversità senza precedenti. In questo articolo Steve Johnstone, gestore del Multi-Asset Team britannico, illustra alcuni degli strumenti che una strategia azionaria market neutral globale flessibile può utilizzare per generare performance in tutti i contesti di mercato.

In chiave:

  • L'impatto economico della pandemia di COVID-19 sulle imprese è stato significativo a livello mondiale. In questo contesto, una strategia market neutral globale ha a disposizione un gran numero di strumenti.
  • La strategia del team utilizza investimenti "in coppia", coniugando posizioni lunghe e corte per ottenere un risultato ben preciso. Queste posizioni vengono ponderate al fine di assicurare un contributo equivalente in termini di rischio.
  • La volatilità a breve termine viene presa in considerazione nell'ambito di un approccio risk parity che contribuisce a guidare l'allocazione del capitale e l'esposizione complessiva della strategia.

 

La Global Equity Market Neutral Strategy è una strategia azionaria pura che si concentra sulla generazione di alfa mediante posizioni lunghe e corte, indipendentemente dalla direzione del mercato nel breve periodo. Attraverso queste idee costruiamo un portafoglio che punta a essere neutrale in termini direzionali rispetto al mercato nel suo complesso, minimizzando al contempo l'orientamento verso fattori specifici che abbiamo identificato come potenziali rischi.

La strategia è incentrata sull'investimento in una gamma di "migliori idee" generate da team selezionati di Janus Henderson che sono coinvolti attivamente nell'investimento sul mercato. Di norma, queste idee vengono messe a frutto mediante investimenti "in coppia" (i cosiddetti "pair trade"), ossia coniugando posizioni lunghe e corte per conseguire un particolare esito o sulla base del valore relativo. In alcuni casi questo approccio tematico può includere più di un titolo nella componente lunga o corta di un'operazione o persino Exchange-Traded Fund (ETF) o indici. Durante la costruzione del portafoglio adottiamo un approccio risk parity e ponderiamo per il rischio la volatilità delle idee per assicurare un contributo al rischio equivalente nella componente long e in quella short. In questo modo tutte le idee possono influire sul rendimento del portafoglio e nessuna viene favorita rispetto alle altre.

L'analisi fondamentale e la selezione dei titoli sono il cuore del processo di selezione degli investimenti, mentre la costruzione del portafoglio avviene in base a un approccio quantitativo indipendente. Sostanzialmente, investiamo il capitale bilanciando la quantità di rischio che secondo i nostri modelli ogni idea aggiunge al portafoglio.

Cerchiamo poi di adeguare il capitale allocato sulla base della nostra valutazione qualitativa di una serie di altri fattori di rischio, come liquidità, orientamento di stile o beta.

Le idee per la strategia vengono generate da un gruppo di gestori selezionati. Ciascuno di essi è uno stock picker specializzato nel proprio campo, il che ci consente di coprire la maggior parte dei principali mercati globali con un mix di stili d'investimento diversi. Uno degli aspetti più entusiasmanti della gestione di una strategia globale in-house basata sulle "migliori idee" è la flessibilità per aggiungere risorse dove ravvisiamo valore potenziale. Il nostro approccio quantitativo alla costruzione del portafoglio consente a tutti i gestori e alle loro idee di dare un contributo, compensando i rischi da un approccio all'altro. Inoltre, l'allocazione all'interno del portafoglio a livello settoriale o regionale dipende esclusivamente dalle aree in cui ravvisiamo le migliori opportunità. Nel complesso, puntiamo a minimizzare l'eventuale esposizione direzionale del portafoglio nella misura che siamo disposti ad accettare.

"La strategia è gestita in modo proattivo con limiti di perdita hard e soft. Riesaminiamo la motivazione dell'investimento per ogni pair trade che contribuisce alla performance per più di 40 punti base (pb) o che la penalizza nella misura di oltre 30 pb, con un hard stop-loss a 50 pb."

 

Risk parity e volatilità di mercato

Nell'ambito del nostro approccio risk parity, elaboriamo un modello della volatilità a breve termine che contribuisce a guidare la calibrazione delle posizioni e del rischio complessivo della strategia. Lo scopo è assicurare che tutti i contributi favorevoli siano bilanciati in modo efficace, per evitare che alcune idee influenzino il portafoglio più di altre. Con alcune eccezioni, la correlazione tra i prezzi delle singole azioni ha evidenziato una persistente tendenza al ribasso dopo il picco raggiunto agli inizi del 2009 (cfr. grafico 1), nei primi giorni della crisi finanziaria globale. Tuttavia, com'era prevedibile abbiamo osservato una notevole volatilità trasversale nelle prime settimane della pandemia di COVID-19.

Figura 1: L'elevata dispersione a livello di titoli favorisce gli stock picker fondamentali

article-image_global-equity-market-neutral-tools-of-trade_chart01_IT

Fonte:    Bank of America Merrill Lynch, dal 31 marzo 2005 al 31 marzo 2020. Indica la media su 6 mesi mobili della correlazione tra le azioni a livello globale.

L'imposizione di misure di distanziamento sociale, la chiusura delle attività commerciali e le restrizioni agli spostamenti nell'ambito di una serie di provvedimenti volti a contenere la diffusione del COVID-19 ha esercitato notevoli pressioni su determinati settori. A marzo abbiamo osservato un notevole gap delle quotazioni (che si ha quando un titolo inizia la giornata a un prezzo diverso da quello della chiusura del giorno precedente senza che vi siano state contrattazioni), che riflette il livello di incertezza degli investitori in quel periodo. 

Il sentiment è stato particolarmente sfavorevole in aree come il tempo libero (ad esempio, intrattenimento e viaggi), in cui l'attività economica è stata perlopiù sospesa. Finora (al 30 aprile 2020) settori come la salute e l'informatica hanno invece evidenziato un'ottima tenuta. Questo è il tipo di contesto in cui gli stock picker possono individuare opportunità interessanti sia nella componente lunga che in quella corta di un pair trade. Ma in questo scenario è necessaria anche la massima cura per assicurare che la strategia non venga colta alla sprovvista a livello strutturale.

Un'incertezza destinata a perdurare

Le misure adottate dai governi e dalle banche centrali di tutto il mondo hanno contribuito a proteggere le aziende e i lavoratori, evitando un effetto domino sui mercati azionari. Il programma di acquisti illimitati della Federal Reserve, finalizzato a proteggere l'economia fino al superamento del picco della pandemia e che per la prima volta prevede l'acquisto di obbligazioni societarie, ha contribuito ad alimentare il rimbalzo dei prezzi degli asset. Tuttavia, gli investitori rimangono perfettamente consapevoli del fatto che la ripresa delle valutazioni ascrivibile a questa liquidità non riduce i rischi di ulteriori difficoltà economiche in futuro.

Con il calo dei tassi di infezione in molti paesi, ora alcune regioni puntano ad allentare con cautela le misure restrittive imposte alla popolazione senza causare una nuova impennata dei casi di contagio (una "seconda ondata"). Gli occhi degli investitori sono quindi puntati sul potenziale di ripresa in molte aree del mercato. È stato possibile sospendere rapidamente i servizi non essenziali, ma è probabile che il processo di riapertura presenti maggiori difficoltà, dalla sicurezza dei lavoratori alla riconnessione delle catene di produzione.

Un ricco arsenale di strumenti a disposizione

L'impatto economico della pandemia di COVID-19 sulle imprese è stato significativo a livello mondiale. In questo contesto, una strategia market neutral globale ha a disposizione un gran numero di strumenti. Ad esempio, è possibile eliminare le idee in cui non si crede più o sostituire una delle componenti di un pair trade se delude le aspettative o se la motivazione alla base dell'investimento è venuta meno. Mantenere un dialogo costante con i gestori sottostanti può inoltre fornire indicazioni sulle idee che potrebbero funzionare come coppie o offrire la flessibilità necessaria per orientarsi verso aree o stili d'investimento potenzialmente più adatti al contesto di mercato.