Si prega di assicurarsi che Javascript sia abilitato ai fini dell'accessibilità al sito web. Quick View: Indice dei prezzi al consumo statunitense di aprile – Notizie positive per la Fed - Janus Henderson Investors
Per investitori professionali in Italia

Quick View: IPC statunitense di aprile – Notizie positive per la Fed

Il report sull'indice dei prezzi al consumo (IPC) di aprile mantiene vive le speranze di un taglio estivo dei tassi, ma gli investitori stanno sottovalutando la traiettoria dei tassi da qui al 2026? Greg Wilensky, Head of U.S. Fixed Income, esamina gli ultimi dati sull'inflazione e la possibile traiettoria della politica monetaria.

Greg Wilensky, CFA

Greg Wilensky, CFA

Responsabile Reddito Fisso USA | Gestore di Portafoglio


15 maggio 2024
2 minuti di lettura

In sintesi

  • Negli Stati Uniti l'inflazione è aumentata dello 0,3% ad aprile, raffreddandosi rispetto ai tre aumenti consecutivi dello 0,4% dei mesi precedenti.
  • Il report sull'IPC di aprile dovrebbe essere visto positivamente dalla Federal Reserve (Fed) e tiene sul tavolo la possibilità di un taglio dei tassi a luglio.
  • Sebbene i mercati stiano scontando una ragionevole aspettativa di due tagli nel 2024, riteniamo opportuno per gli investitori chiedersi se i tagli previsti per il 2025 e il 2026 siano sufficienti.

I dati dell'indice dei prezzi al consumo (IPC) statunitense di aprile hanno mostrato un rallentamento dell'inflazione rispetto ai tre mesi precedenti. I prezzi core, esclusi alimentari ed energia, sono aumentati dello 0,3% su base destagionalizzata, con rincari per gli alloggi, le assicurazioni auto, le cure mediche, l'abbigliamento e i prodotti per la cura personale. I prezzi core sono aumentati del 3,6% rispetto a un anno fa, il rialzo più contenuto da aprile 2021.

La Federal Reserve (Fed) dovrebbe trarre incoraggiamento dal rapporto sull'IPC di aprile e le prime reazioni positive sia nei mercati dei tassi che in quelli del rischio sembrano appropriate. I dati sull'inflazione di aprile mantengono vive le speranze di un primo taglio dei tassi a luglio. Tuttavia, affinché tale mossa si concretizzi occorre che questi piccoli passi avanti verso una moderazione della dinamica dei prezzi siano sostenuti da buone notizie sull'inflazione più significative e/o da segnali più concreti di debolezza del mercato del lavoro nelle prossime 10 settimane.

JHI

Combinando le giuste componenti dell'IPC e dell'indice dei prezzi alla produzione (PPI) di questa settimana, che sono aumentati dello 0,5% ad aprile su base destagionalizzata, la lettura dei dati sull'inflazione PCE core di questo mese punta a un dato in calo allo 0,2%.

Contributori all'indice dei prezzi al consumo per categoria

Fonte: Bloomberg, al 15 maggio 2024.

Il mercato ora sta scontando due tagli per il 2024. Come media per la gamma di esiti possibili, due tagli nel 2024 sembra una previsione abbastanza ragionevole. Tuttavia, riteniamo che i mercati non stiano ancora scontando tagli sufficienti per il 2025 e il 2026. I contratti futures di dicembre 2026 suggeriscono che il tasso dei fondi federali sarà di circa il 3,8%. A nostro avviso, la Fed dovrà riportare il tasso di riferimento nettamente al di sotto di questo livello, sia perché l'inflazione tornerà verso l'obiettivo in uno scenario di atterraggio morbido, sia perché un'economia più debole riporterà l'inflazione al di sotto dell'obiettivo.

Al di là del tira e molla osservabile sui mercati dei tassi nel breve termine, dal nostro punto di vista il contesto monetario ed economico attuale crea prospettive favorevoli pluriennali per i rendimenti obbligazionari. Ci aspettiamo che la forte domanda per l’asset class delle obbligazioni vista di recente continui – e potenzialmente acceleri una volta che la Fed inizierà a tagliare i tassi – con gli investitori che mirano ad assicurarsi rendimenti interessanti e beneficiare della diversificazione che le obbligazioni possono apportare ai portafogli multi-asset.

 

Indice dei prezzi al consumo (IPC): un indice non gestito che rappresenta il tasso di inflazione dei prezzi al consumo negli Stati Uniti come determinato dal Dipartimento delle statistiche del lavoro statunitense.

Indice dei prezzi alla produzione (PPI): famiglia di indici che misura la variazione media nel tempo dei prezzi di vendita percepiti dai produttori nazionali di beni e servizi.

La politica monetaria è l'insieme delle politiche di una banca centrale, volte a influenzare il livello di inflazione e di crescita di un'economia. Comprende il controllo dei tassi di interesse e dell'offerta di denaro.

INFORMAZIONI IMPORTANTI

La diversificazione non assicura un profitto né elimina il rischio di subire perdite negli investimenti.

Queste sono le opinioni dell'autore al momento della pubblicazione e possono differire da quelle di altri individui/team di Janus Henderson Investors. I riferimenti a singoli titoli non costituiscono una raccomandazione all'acquisto, alla vendita o alla detenzione di un titolo, di una strategia d'investimento o di un settore di mercato e non devono essere considerati redditizi. Janus Henderson Investors, le sue affiliate o i suoi dipendenti possono avere un’esposizione nei titoli citati.

 

Le performance passate non sono indicative dei rendimenti futuri. Tutti i dati dei rendimenti includono sia il reddito che le plusvalenze o le eventuali perdite ma sono al lordo dei costi delle commissioni dovuti al momento dell'emissione.

 

Le informazioni contenute in questo articolo non devono essere intese come una guida all'investimento.

 

Comunicazione di Marketing.

 

Glossario