John Pattullo, Co-Director di Strategic Fixed Income, spiega come la soppressione della volatilità a opera della Federal Reserve durante la crisi causata dal Covid abbia portato alla giapponesizzazione del mercato delle obbligazioni societarie statunitensi.

In sintesi:

  • Proprio come abbiamo visto in Europa, la giapponesizzazione, ossia un contesto di tassi d'interesse persistentemente bassi, inflazione contenuta e crescita debole in cui la banca centrale ha completamente soppresso la volatilità, si è ormai estesa agli Stati Uniti, e a un ritmo nettamente più rapido.
  • Come è avvenuto in Giappone, la soppressione della volatilità e il sostegno alle obbligazioni investment grade (e, in misura minore, high yield) da parte della banca centrale statunitense hanno creato un contesto pressoché idilliaco per l'investimento in obbligazioni societarie.
  • Con il crollo della curva dei rendimenti dei titoli sovrani negli Stati Uniti, negli ultimi mesi si sono registrati notevoli afflussi nei mercati delle obbligazioni societarie USA, ascrivibili soprattutto ad acquirenti esteri. È interessante notare che, data l'incessante ricerca di rendimento, le emissioni investment grade ben note e di qualità sono ormai quasi diventate i nuovi titoli di Stato o i nuovi tassi di riferimento.

Nota: questo video è stato registrato il 14 agosto 2020.