Per investitori privati in Italia

COVID-19: analisi dei diversi approcci al tema della salute mentale

Charlotte Nisbet

Charlotte Nisbet

Analyst, Governance e Investimenti Responsabili


16 ott 2020

Dati i molteplici effetti sulla vita delle persone, la crisi scatenata dal Covid-19 ha messo in luce numerosi problemi che affliggono la società. Charlotte Nisbet, analista del team governance e investimento responsabile e membro del Janus Henderson Mental Health Group, tratta l’importanza della salute e del benessere mentale dal punto di vista degli investitori e dei datori di lavoro, un tema che negli ultimi mesi ha acquisito sempre maggior rilevanza.

  In sintesi

  • La salute mentale è parte integrante ed essenziale della salute umana ed è stata messa a dura prova dalla crisi da Covid-19.
  • È incoraggiante notare che sempre più società dichiarano di tener conto della salute mentale e cercano di offrire un supporto psicologico ai dipendenti.
  • Tramite l'attività di engagement presso le aziende abbiamo accertato che le imprese più attente al benessere e alla salute mentale beneficiano della maggior fidelizzazione dei dipendenti, di una cultura del lavoro favorevole e di una forza lavoro più resiliente.

 

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) la salute mentale è parte integrante ed essenziale della salute in generale ed è definita come "uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, e non semplice assenza di malattia o di infermità".1

La problematica della salute e del benessere mentale è stata esacerbata dalla pandemia.  Tra i numerosi fattori in grado di intaccare la salute mentale rientrano la disoccupazione, l'incertezza economica, i lutti, l'isolamento e il fatto di lottare in prima linea contro il coronavirus. Da un report pubblicato dall’OMS in ottobre emerge che nella maggior parte dei Paesi il Covid-19 provoca sconvolgimenti nell'offerta di servizi di salute mentale. Circa il 90% dei Paesi oggetto dell’indagine ha inserito i servizi di salute mentale e il supporto psicosociale nei piani nazionali di risposta al Covid-19. Tuttavia, solamente il 17% dei Paesi assicura di disporre dei fondi necessari per coprire interamente i costi di tali servizi aggiuntivi.2

Mental Health

Le statistiche mondiali sulla salute mentale erano allarmanti già prima dello scoppio della pandemia. Secondo l’OMS l’economia globale perde oltre US$1.000 miliardi all’anno a causa di depressione e ansia 3 e nel mondo c’è meno di uno specialista di salute mentale ogni 10.000 persone.4 Inoltre, ricerche condotte da Lancet Commission riportano un aumento dei casi di disturbi mentali in tutti i Paesi che costerà all'economia mondiale US$16.000 miliardi entro il 2030. 5

Dal punto di vista dell’investitore e del datore di lavoro

In Janus Henderson abbiamo affrontato la problematica dal punto di vista dell’investitore e del datore di lavoro. Ogni anno i nostri team di investimento organizzano migliaia di incontri con le società, durante i quali spesso si discute di tematiche ambientali, sociali e di governance (ESG).

Abbiamo portato il tema della salute mentale all'attenzione delle aziende con sempre maggior frequenza e abbiamo ricevuto risposte incoraggianti: i management riconoscono l’importanza della questione e cercano di affrontarla nel modo migliore. Naturalmente il Covid-19 ha messo in primo piano la salute mentale e molte aziende ci hanno parlato di come abbiano offerto sostegno ai propri dipendenti in un periodo così difficile.

Engagement collaborativo

In qualità di investitori abbiamo un approccio collaborativo all’engagement e spesso condividiamo informazioni su best practice e salute mentale con le società in cui investiamo. In generale, le aziende che già disponevano di risorse solide per la tutela del benessere e della salute mentale prima dello scoppio della pandemia sono riuscite a offrire ai dipendenti tutto il sostegno necessario. Ad esempio, le società che destinano una quota dei fondi sanitari alla tutela della salute mentale e dispongono di programmi di assistenza per i dipendenti, di rappresentanti interni e di corsi di formazione sulla salute mentale si sono dimostrate in grado di supportare i dipendenti durante la pandemia. Un altro aspetto cruciale del nostro engagement con le società è il fatto di considerare la salute mentale dal punto di vista del cliente. Ove possibile, discuteremo con le aziende e ribadiremo quanto sia importante attuare politiche volte a salvaguardare la salute mentale dei clienti.

Opportunità di investimento

La salute mentale assume una crescente rilevanza anche come tema di investimento. Attualmente molte società sviluppano prodotti, soluzioni e servizi volti a proteggere la salute mentale delle persone. Si tratta ad esempio di un'area in forte espansione per i provider di servizi sanitari e i settori collegati.

Una correlazione positiva

Tramite l'attività di engagement presso le aziende abbiamo accertato che le imprese più attente al benessere e alla salute mentale beneficiano della maggior fidelizzazione dei dipendenti, di una cultura del lavoro favorevole e di una forza lavoro più resiliente. Siamo consapevoli di quanto sia importante continuare a trattare l’argomento con le aziende, poiché riteniamo che una cultura aziendale sana e positiva sia indispensabile per il successo delle società in cui investiamo. Le società solide si sono adeguate ai tempi e tengono in debito conto il tema della salute mentale. Secondo l’OMS, studi dimostrano che ogni US$1 speso in cure per depressione e ansia può fruttare US$5.6

Uomo che si allena, felice, positivo, benessere, corsa, jogging, salute

Impegno per la protezione della salute mentale

Da tempo Janus Henderson è in prima linea nella protezione della salute mentale e offre ai dipendenti un’ampia gamma di risorse. Ci impegniamo a promuovere la salute e il benessere generali dei nostri dipendenti e delle loro famiglie concentrandoci in particolare su 5 elementi interconnessi: carriera, finanze, salute mentale, salute fisica e benessere sociale. Il nostro obiettivo è accrescere il benessere dei dipendenti tramite la sensibilizzazione su tali tematiche e l’offerta di molteplici risorse e programmi che li inducano ad adottare uno stile di vita più sano. Tra le  iniziative figura l’abbonamento gratuito a Headspace, un’app per dispositivi mobili sviluppata per agevolare la mindfulness e la meditazione grazie a brevi esercizi, nell’ambito di un programma di assistenza ai dipendenti.

This is Me

Dal 2018 Janus Henderson è sponsor di This is Me, una campagna innovativa volta a ridurre lo stigma sociale, sfatare i miti e fornire una piattaforma ai dipendenti per condividere con i colleghi le loro storie ed esperienze legate alla salute mentale. Ogni anno celebriamo la Giornata mondiale della salute mentale (10 ottobre) e organizziamo eventi mirati a favorire la sensibilizzazione e il supporto in relazione al tema della salute mentale e del benessere dei dipendenti.

Formazione e Wellbeing Hub

Inoltre, Janus Henderson offre a gestori e dipendenti una formazione nell'area della salute mentale. A livello globale, oltre 50 Mental Health Champions sono a disposizione dei nostri dipendenti per fornire un sostegno e indicare loro le risorse appropriate.

Nel pieno della pandemia abbiamo lanciato il Wellbeing Hub che tramite risorse fornite dai nostri partner si prefigge di salvaguardare la salute dei dipendenti in un momento così difficile. Ad esempio, i mercoledì di luglio sono stati dedicati alla salute dei dipendenti: i colleghi di tutto il mondo sono stati invitati a partecipare a webinar virtuali e a consultare una vasta gamma di risorse a supporto del benessere sociale, fisico e mentale. Tali eventi, cui hanno preso parte oltre 1.000 dipendenti, hanno anche permesso di rafforzare la connessione sociale tra colleghi. L’hub, cui verranno affiancate altre iniziative in futuro, resta una risorsa importante a disposizione dei dipendenti di Janus Henderson.

Scenario post pandemia

Nel post pandemia potremmo assistere a un aumento delle pressioni sui servizi di salute mentale, la cui capacità era già limitata prima della Covid-19, poiché per molte persone la situazione attuale avrà ripercussioni psicologiche di lungo periodo. La pandemia non solo ha avuto effetti negativi sulla salute mentale di molti soggetti e alzato nuove barriere per coloro che già presentavano disturbi, ma ha anche avuto ripercussioni su persone che non avevano evidenziato problemi di natura psicologica in precedenza.

Post pandemic mental health

Nel Regno Unito, ad esempio, l’Office for National Statistics ha recentemente rilevato che il numero di adulti che accusano sintomi depressivi è quasi raddoppiato rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.7 Pertanto, è fondamentale che, in qualità di investitori, incoraggiamo le società in portafoglio - o quelle oggetto di valutazione in vista di un possibile inserimento - a dotarsi delle risorse necessarie per tutelare la salute dei dipendenti. In qualità di datori di lavoro, invece, continueremo a fornire ai nostri dipendenti strumenti adeguati, al fine di aiutare chiunque ne abbia bisogno, oggi e in futuro.

Note

1 Salute mentale: una risposta più decisa, marzo 2018

www.who.int/en/news-room/fact-sheets/detail/mental-health-strengthening-our-response

6COVID-19 disrupting mental health services in most countries, indagine OMS,

https://www.who.int/news-room/detail/05-10-2020-covid-19-disrupting-mental-health-services-in-most-countries-who-survey

3Mental Health In the Workplace, maggio 2019

https://www.who.int/mental_health/in_the_workplace/en/

4Policy Brief: COVID-19 and the Need for Action on Mental Health, 13 maggio 2020

https://www.un.org/sites/un2.un.org/files/un_policy_brief-covid_and_mental_health_final.pdf

5Lancet Commission: Inaction on Mental Health Crisis Will Cost World $16 Trillion by 2030,

https://globalmentalhealthcommission.org/wp-content/uploads/2018/10/Lancet-Commission-on-Global-Mental-Health-Press-Release.pdf

6COVID-19 disrupting mental health services in most countries, indagine OMS,

https://www.who.int/news-room/detail/05-10-2020-covid-19-disrupting-mental-health-services-in-most-countries-who-survey 

7Coronavirus and depression in adults, Great Britain: giugno 2020

https://www.ons.gov.uk/peoplepopulationandcommunity/wellbeing/articles/coronavirusanddepressioninadultsgreatbritain/june2020

Queste sono le opinioni dell'autore al momento della pubblicazione e possono differire da quelle di altri soggetti/team di Janus Henderson Investors. Eventuali titoli, fondi, settori e indici citati nel presente articolo non costituiscono né fanno parte di alcuna offerta o invito all'acquisto o alla vendita.

 

Le performance passate non sono indicative dei rendimenti futuri. Tutti i dati dei rendimenti includono sia il reddito che le plusvalenze o le eventuali perdite ma sono al lordo dei costi delle commissioni dovuti al momento dell'emissione.

 

Le informazioni contenute in questo articolo non devono essere intese come una guida all'investimento.

 

Comunicazione di Marketing.

 

Glossario