Il cambiamento climatico è la sfida ambientale e sociale più grande che il mondo abbia mai affrontato.

L’urgenza di passare a un’economia a bassa intensità di carbonio al fine di rimediare ai danni provocati dall’uomo all’ambiente è innegabile. Se non favoriremo questa transizione ci saranno rischi enormi in termini salute, mezzi di sostentamento, sicurezza alimentare, disponibilità di acqua, sicurezza umana e crescita economica. L’ultimo report del Gruppo Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC), pubblicato il 9 agosto 2021, definisce chiaramente l’emergenza climatica e invoca un’azione comune immediata per ridurre drasticamente l’emissione di gas serra e mitigare il cambiamento climatico.

Dal lancio di Global Sustainable Equity Strategy nel 1991 abbiamo seguito rigorosi principi riguardanti il tipo di società in cui intendiamo allocare capitale. Un tratto distintivo della strategia è l’approccio low carbon. Non solo crediamo sia la cosa giusta da fare per l’ambiente, ma riteniamo anche ragionevole evitare di investire in società molto esposte al rischio climatico e prediligere invece opportunità legate al clima.

Global Sustainable Equity Strategy ha un’impronta di carbonio nettamente inferiore a quella dell’indice di riferimento

article-image_sustainable-investing-why-a-low-carbon-approach-matters_chart02_IT

Fonte: Janus Henderson Investors, ISS Climate Impact, ultimi dati disponibili al 31 dicembre 2020. Benchmark: MSCI World Total Return. tCO2e medie del portafoglio di Global Sustainable Equity Fund (OEIC).

Per affrontare i problemi climatici messi in luce dal report dell’IPCC a nostro avviso il settore privato dovrebbe assumere un ruolo centrale nello sviluppo di strategie che contribuiscano al conseguimento degli obiettivi relativi alle emissioni nette, al fine di sostenere un’economia carbon neutral. Gli investitori avranno un ruolo importante in tale transizione.

Report annuale sulla sostenibilità 2020

Scarica l’ultimo Report annuale sulla sostenibilità redatto dal team Azioni sostenibili globali per avere maggiori informazioni sul ruolo degli investitori nella promozione del cambiamento e sull’impatto della strategia.

Annual Sustainability Report 2020

In che modo gli investitori possono trainare il cambiamento?

Il team Azioni sostenibili globali è tra i fondatori dell’iniziativa Net Zero Carbon 101 (NZC10), insieme ad altre società di asset management e all’Università di Oxford. L’iniziativa ha fissato obiettivi ambiziosi ma possibili in termini di riduzione delle emissioni di carbonio da parte delle società. Affinché l’iniziativa dia dei risultati concreti, NZC10 fornisce ai gestori di fondi un quadro di riferimento sistematico che consente agli aderenti di allineare le politiche di investimento ai requisiti per la neutralità di carbonio e di non limitarsi a ridurre le emissioni.

Grazie all’approccio low carbon adottato dal team Azioni sostenibili globali, intessuto nel processo di investimento, la strategia ha contribuito a:

  • evitare l’emissione di 33 milioni di tonnellate di CO2e (diossido di carbonio equivalente) – l’equivalente delle emissioni di 8 centrali elettriche a carbone o del consumo annuo di energia di 4 milioni di abitazioni o delle emissioni di 7 milioni di auto;
  • generare 213 GWh di energia da fonti rinnovabili – che potrebbero fornire elettricità per un anno a 20.000 abitazioni negli USA.2
article-image_sustainable-investing-why-a-low-carbon-approach-matters_chart01_IT

Crediamo che solo tramite una gestione attiva si possa costruire un portafoglio davvero low carbon e investire in società che favoriscono la transizione a un’economia a bassa intensità di carbonio.

Note

1 L’iniziativa verrà lanciata ufficialmente nel 2021. Per maggior informazioni si veda https://p1-im.co.uk/research-articles/net-zero-carbon-10-naz10/

2Il consumo medio annuo di una famiglia USA è di 10.649 Kwh, quindi 213 GWh potrebbero coprire il fabbisogno annuo di elettricità di 20.000 case negli Stati Uniti.