Il 3° trimestre è stato un periodo eccellente per i dividendi globali. Secondo l’indice Janus Henderson Global Dividend, la forza costante dell’economia mondiale alimenta la redditività delle imprese in tutto il mondo. Le distribuzioni sono salite del 5,1%, segnando un record per il 3° trimestre dell’anno a 354,2 miliardi di dollari. Stati Uniti, Canada, Taiwan e India hanno registrato distribuzioni ai livelli massimi nel trimestre, mentre i dividendi in Cina hanno ricominciato a crescere dopo tre anni in calo.

Dati di sintesi

  • I dividendi globali sono saliti del 5,1%, attestandosi a 354,2 miliardi di dollari: un record per il terzo trimestre dell’anno
  • La crescita sottostante è stata del 9,2%, a conferma del buon risultato del 2° trimestre
  • Canada, Taiwan, India e Stati Uniti hanno realizzato distribuzioni record, mentre l’Australia è rimasta indietro
  • I dividendi in Cina sono saliti per la prima volta in quattro anni
  • I dividendi previsti per il 2018 sono di 1.359 miliardi di dollari; la crescita sottostante è stata rivista al rialzo all’8,1%

Fonte: Janus Henderson Investors al 30 settembre 2018

Il rafforzamento del dollaro USA e il calo dei dividendi straordinari hanno contenuto la crescita complessiva rispetto all’anno precedente. Su base sottostante (l’indicatore preferito da Janus Henderson per la crescita dei dividendi core) le distribuzioni sono cresciute  del 9,2%, a conferma dell’ottimo risultato registrato nel 2° trimestre. Ogni regione ha riportato un aumento consistente dei dividendi sottostanti. L’indice Janus Henderson Global Dividend ha chiuso il trimestre su una cifra record di 184,4; questo significa che i dividendi globali sono saliti di oltre l’80% dal lancio nel 2009.

Le distribuzioni in termini complessivi negli Stati Uniti sono salite del 9,1% attestandosi su una cifra record di 120 miliardi di dollari. Quasi metà dell’incremento è attribuibile al dividendo straordinario di 5,3 miliardi di dollari versato da Dr Pepper Snapple quando l’azienda è stata acquisita da Keurig. La crescita sottostante negli Stati Uniti è stata del 7,3%, in linea con il rapido aumento nel 1° e nel 2° trimestre. Solo una società su 70 ha tagliato il dividendo.

Hong Kong e Taiwan hanno realizzato una crescita sottostante rispettivamente del 5,9% e del 6,2%, mentre la Cina ha riportato un risultato ancora più brillante. Durante la stagione più importante per i dividendi cinesi, le distribuzioni sono aumentate del 14,6% su base sottostante, un bel risultato dopo tre anni in calo. Metà dell’incremento complessivo nel paese dipende dall’aumento delle distribuzioni da parte delle banche. Le compagnie di assicurazione, nonostante siano un piccolo settore, rappresentano circa un terzo dell’aumento complessivo. Anche le società del settore energia hanno realizzato una crescita dei dividendi robusta.

Tra i paesi sviluppati, il fanalino di coda è l’Australia, dove i dividendi sono saliti su base sottostante dell’1,3% soltanto. Le principali banche, che distribuiscono quasi il 50% dei dividendi del paese ogni anno, non hanno registrato alcun aumento. Gli utili bancari, infatti, sono sotto pressione. Inoltre, questi istituti distribuiscono già un’ampia fetta dei profitti, per cui non c’è molto spazio per un aumento dei dividendi.

Pochissime aziende europee versano i dividendi nel 3° trimestre, ma quelle che l’hanno fatto sono cresciute molto, in linea con le performance incoraggianti del secondo trimestre che rappresenta una stagione importante per le distribuzioni. Nel Regno Unito, le distribuzioni  sono salite addirittura dell’11,1%, rettificate per il calo dei dividendi straordinari, l’indebolimento della sterlina e gli effetti di calendario.

Le stime di crescita complessiva per Janus Henderson restano invariate all’8,5%, per cui i dividendi totali previsti nel 2018 salgono a 1.359 miliardi di dollari. In termini sottostanti, ciò significa che la crescita nell’anno sarà dell’8,1%, in aumento rispetto alle stime del 7,4% dell’ultima edizione dell’indice JHGDI.

Fonte: Janus Henderson Investors al 30 settembre 2018

Ben Lofthouse, Responsabile Global Equity Income di Janus Henderson, ha dichiarato: “Il terzo trimestre ha superato le nostre aspettative ma, fattore ancora più importante, la qualità della crescita è stata migliore del previsto. E questo nonostante l’impatto negativo delle oscillazioni dei cambi e del calo dei dividendi straordinari. Va sottolineato, inoltre, che il nostro indicatore core della crescita sottostante resta molto positivo.”
Il 2018 è stato un anno volatile e carico di sfide per i mercati azionari ma la crescita costante degli utili implica che i dividendi dovrebbero continuare a salire.

Le stime di crescita degli utili societari nel 2019 iniziano a essere messe in discussione, considerato che ci troviamo verso la fine del ciclo economico. Questo non significa che gli utili scenderanno, bensì che il ritmo dell’espansione potrebbe rallentare rispetto a quanto previsto inizialmente. A fronte dell’aumento degli utili e del flusso di cassa, i dividendi dovrebbero continuare a crescere. Gli investitori a caccia di reddito dai loro investimenti azionari, pertanto, dovrebbero affrontare il prossimo anno con fiducia.”