Powerplay: geopolitical manoeuvres and their corporate impact

18/07/2019

Scaricare

Geopolitical risk continues to be top of mind for investors, particularly the shifting global balance of power from west to east as showcased by the escalating trade friction between China and the US. Charlie Awdry, China equities portfolio manager and Richard Clode, Global Technology portfolio manager, provide candid views on this evolving issue and its significance on how they invest.

Q: Which geopolitical risks concern you the most?

CA:
There's only one major geopolitical risk dominating China at the moment and that’s the US-China relationship. The focus is on trade but that’s just one element of this deteriorating relationship. Before, there was constructive engagement, now there’s strategic rivalry.
 
We've got friction, both at a trade level, but also at the geopolitical level of trying to influence politics in Asia and globally. The one area that I'm most concerned about is where China has a non-negotiable stance: Taiwan.
 
China sees Taiwan as part of China, but the Taiwanese see themselves as an independent nation with a strong political and diplomatic relationship with the US from which it buys much military equipment.
 
And Hong Kong (HK) where both Richard and I invest is at the fault line of it. HK is dealing with an existential issue of becoming part of China. From a financial/stock market point of view, HK is an avenue for foreign capital, both in and out of China, so on that basis we have to hope it maintains its role.
 
From an investment point of view, we should recognise that Hong Kong offers a lot of offshore capital, Chinese corporates have taken advantage of this and have balance sheets that are multi-currency. So as an investor based in the UK there is a currency risk should the yuan depreciate.
 
RC:
This superpower supremacy rivalry is going to be multi-generational. At the centre of it is technology, the control of it and the national security implications, which is President Trump’s main concern. We saw this with the blacklisting of Huawei (in May 2019 US companies were forbidden from supplying components to the Chinese telecoms giant. A month later it was announced the ban would be eased).
 
If you don’t control your own artificial intelligence (AI), that has huge implications across national security, defence, productivity of your country, surveillance, you name it. Trade is just the battle, the war is this wider jostling for supremacy.
 
 
 
 
Q: Can there be a resolution to the trade war?
 
RC:
Even if there is a trade resolution and China allows foreign technology companies into China, and removes subsidies for local companies to end unfair competition ‒ the enforcement of that will be challenging because ultimately both countries are diametrically opposed when it comes to their goals ‒ the US wants to maintain its current hegemony of power while China thinks that they should be ‘number one’. The two are not going to settle.
 
CA:
I agree. The US and China have different philosophies, different systems. Interestingly in the tech space, there is the development of almost two tech worlds, the US world and the China world. We already have that in the internet. In China, Google doesn't work. Google Maps won't get you anywhere; you have to use Baidu. That kind of ecosystem is something we have to start thinking about beyond just the internet.
 
Q: To what degree is the US-China trade war affecting your investments?
 
RC:
It’s clear that China has been unfair in terms of companies coming to play on a level playing field. Luckily for the Global Technology Team, this hasn’t had much impact on the companies we invest in.
 
This is because the silver lining to that unfair competition is that most of the tech giants like Google, Netflix, or Amazon effectively don’t have a business in China. What we’ve seen with the blacklisting of Huawei, is still how dependent Chinese technology companies are on US technology and US components, particularly semiconductors. Huawei’s entire 5G build is dependent on two US companies, Altera, which is part of Intel, and predominantly, Xilinx. Being self-reliant is a core part of China’s longer-term strategic plans. The negotiating position for the US today is as strong as it's ever going to be. I think China will get more aggressive when they start to become more self-sufficient.
 
And when it comes to semiconductors, Taiwan supplies major clients like Apple, Qualcomm, NVIDIA and HiSilicon (Huawei’s semiconductor division). There are limited alternative suppliers. The Chinese see Taiwan as part of China; as an investor in the semiconductor industry that is a key risk albeit the global ramifications would extend well beyond that.
 
CA:
The bigger picture here is that this strategic rivalry could create slower growth in China because there's less trade. However, China is quite a domestic economy already with consumerism, and there's also a lot of investment.

We also monitor the currency to see if the government lets it weaken to try and boost the economy. Because obviously that’s a headwind for us as we’re sterling-based investors buying yuan-denominated assets and profits.

But in the technology space, companies like Tencent, Alibaba, NetEase, they're not really cyclical. Most people think that China is a trading market, but I think these stocks over the years have been good buy-and-hold companies. Because we are domestic focused, our China portfolios are invested more in the Chinese internet ecosystem than the hardware global supply chain. 
 
Q: Richard, is there a distinction between technology sectors?
 
RC:
I agree, not that many major global tech companies have big businesses in China. There are no software companies that sell much into China, the global internet companies aren't there. So it's really only the more cyclical areas that are affected, such as hardware and semiconductors. We’ve reduced our semiconductor holdings materially in the Global Technology Strategy mainly because in addition to the trade war concerns, the macroeconomic backdrop is deteriorating and inventory levels are high.
 
But the rest, as Charlie said, are mainly domestic-focused businesses. Alibaba (China’s Amazon) is often unfairly used as a proxy for China consumer and trade sentiment; they’re quite comfortable with their long-term (secular) growth trends.

When we talk to global companies like Microsoft we’re told the trade friction doesn't impact them much. It’s not really slowing the secular growth trends of technology, in fact it may even be accelerating some of the technology disruption we’re seeing. What’s exciting is that this desire for self-sufficiency in China may result in many more interesting Chinese technology companies come to market.
 
Q: So with uncertainty you are finding opportunity?
 
CA:
In recent years we’ve seen that most valid macroeconomic concerns tend to get priced into all equities. So even if we are cautious on certain sectors of the market, at the individual stock level we can often find some attractive companies. I think the opportunity in China is for active management, but it's because the environment from the top down is quite challenging, especially when it comes to geopolitical issues.
 
RC:
I would concur with Charlie on the need for active management. With geopolitics dominating the headlines these days we have a much more volatile investment environment. That’s where I believe an active investment manager with expertise and experience can really add some value. For example, the blacklisting of Huawei was a well-flagged risk and we were able to, in advance, reduce our allocation to semiconductors, a sector that would be affected by the ban. We know there are pockets of the market that are much more exposed to potential risk factors than others.

When there’s unquantifiable or unjustified reactions in stocks and markets then you can use that opportunity to buy. We did that at the end of 2018, when cyclical stocks were very weak.
 
Active management allows you to take action in advance of these trends, rather than as a passive investor, you're simply waiting for things to change.

 
 



Glossary

Cyclical business: these companies generally do well in periods of economic prosperity and expansion and less well in periods of economic downturn and contraction.



Queste sono le opinioni dell'autore al momento della pubblicazione e possono differire da quelle di altri soggetti/team di Janus Henderson Investors. Eventuali titoli, fondi, settori e indici citati nel presente articolo non costituiscono né fanno parte di alcuna offerta o invito all'acquisto o alla vendita.

I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri. Tutti i dati dei rendimenti includono sia il reddito che le plusvalenze o le eventuali perdite ma sono al lordo dei costi delle commissioni dovuti al momento dell'emissione.

Le informazioni contenute in questo articolo non devono essere intese come una guida all'investimento.

Ai soli fini promozionali.


Informazioni importanti

Si prega di leggere attentamente le seguenti informazioni sui fondi citati in  questo articolo.

Janus Henderson Horizon China Fund

Il presente documento è ad uso esclusivo dei professionisti del settore e non è destinato alla distribuzione al pubblico.

Janus Henderson Horizon Fund (il “Fondo”) è una SICAV lussemburghese costituita il 30 maggio 1985 e gestita da Henderson Management S.A. Eventuali richieste di investimento saranno effettuate unicamente sulla base delle informazioni contenute nel prospetto del Fondo (compresi tutti i documenti di riferimento pertinenti), che conterrà le limitazioni relative all'investimento stesso. Il presente documento è da intendersi unicamente come una sintesi e il potenziale investitore è tenuto a leggere il prospetto del Fondo e il documento contenente le informazioni chiave per l'investitore (KIID), prima di procedere all'investimento. Copie del prospetto del Fondo e del KIID sono disponibili presso Henderson Global Investors Limited, agente in qualità di Gestore degli investimenti e Distributore.

Pubblicato da Janus Henderson Investors. Janus Henderson Investors è il nome con cui vengono forniti i prodotti e i servizi d’investimento da Janus Capital International Limited (n. di reg. 3594615), Henderson Global Investors Limited (n. di reg. 906355), Henderson Investment Funds Limited (n. di reg. 2678531), AlphaGen Capital Limited (n. di reg. 962757), Henderson Equity Partners Limited (n. di reg. 2606646) (ciascuna registrata in Inghilterra e Galles all’indirizzo 201 Bishopsgate, Londra EC2M 3AE e regolamentata dalla Financial Conduct Authority) e da Henderson Management S.A. (n. di reg. B22848, registrata all’indirizzo 2 Rue de Bitbourg, L-1273, Lussemburgo e regolamentata dalla Commission de Surveillance du Secteur Financier).

La performance ottenuta in passato non è indicativa dei rendimenti futuri. I dati di performance non tengono conto di costi e commissioni sostenuti per l'emissione e il riscatto delle quote. Il valore di un investimento e il ritorno che ne deriva potrebbero aumentare o diminuire. Di conseguenza, potrebbe non essere possibile recuperare il capitale investito in origine. Il regime fiscale può variare in funzione delle disposizioni di legge di volta in volta vigenti e l’entità dello sgravio fiscale dipenderà dalle singole circostanze. Nel caso di investimenti effettuati tramite intermediari abilitati, si prega di rivolgersi direttamente a questi ultimi, in quanto costi, rendimenti e condizioni dell’investimento potrebbero differire sensibilmente.

Nulla nel presente documento è inteso come consiglio, né deve essere interpretato come tale. Il presente documento non costituisce una raccomandazione a vendere o acquistare alcun investimento, né fa parte di alcun contratto per la vendita o l'acquisto di investimenti.

Il Fondo rappresenta un organismo di investimento collettivo autorizzato per finalità di promozione nel Regno Unito. Potenziali investitori del Regno Unito sono invitati a prendere atto che tutte o la maggior parte delle tutele previste dalle normative britanniche non sono applicabili a investimenti nel Fondo e che non saranno disponibili rimborsi in virtù dello United Kingdom Financial Services Compensation Scheme.

Copie del prospetto del Fondo e del documento contenente le informazioni chiave per l'investitore sono disponibili in inglese, francese, tedesco e italiano. L'atto costitutivo, le relazioni annuali e semestrali sono disponibili in inglese. Il KIID è disponibile anche in spagnolo. Tutti questi documenti possono essere richiesti gratuitamente presso gli uffici locali di Janus Henderson Investors: 201 Bishopsgate, Londra, EC2M 3AE per investitori di Regno Unito, Svezia e Paesi scandinavi; Via Dante 14, 20121, Milano, Italia, per investitori italiani e Roemer Visscherstraat 43-45, 1054 EW, Amsterdam, Paesi Bassi per investitori olandesi; e presso: l’Agente pagatore austriaco Raiffeisen Bank International AG, Am Stadtpark 9, A-1030 Vienna; l’Agente pagatore francese BNP Paribas Securities Services, 3, rue d’Antin, F-75002 Parigi; l’Agente informativo tedesco Marcard, Stein & Co, Ballindamm 36, 20095 Amburgo; il Fornitore di servizi finanziari belga CACEIS Belgium S.A., Avenue du Port, 86 C b320, B-1000 Bruxelles; il Rappresentante spagnolo Allfunds Bank S.A. Estafeta, 6 Complejo Plaza de la Fuente, La Moraleja, Alcobendas 28109 Madrid; il Rappresentante a Singapore Janus Henderson Investors (Singapore) Limited, 138 Market Street, #34-03 / 04 CapitaGreen Singapore 048946; oil Rappresentante svizzero BNP Paribas Securities Services, Parigi, succursale di Zurigo, Selnaustrasse 16, 8002 Zurigo, che agisce anche in qualità di Agente pagatore svizzero. RBC Investor Services Trust Hong Kong Limited, una controllata della joint venture britannica RBC Investor Services Limited, 51/F Central Plaza, 18 Harbour Road, Wanchai, Hong Kong, Tel: +852 2978 5656 è il Rappresentante del Fondo a Hong Kong.

Rischi specifici

  • Le azioni possono perdere valore rapidamente e normalmente implicano rischi più elevati rispetto alle obbligazioni o agli strumenti del mercato monetario. Di conseguenza il valore del proprio investimento potrebbe diminuire.
  • Questo fondo è destinato a essere utilizzato solo come componente di un portafogli d'investimenti diversificato. Gli investitori dovrebbero valutare con attenzione la percentuale del loro portafoglio investita in questo fondo.
  • Il Fondo potrebbe perdere denaro se una controparte con la quale effettua scambi non fosse più intenzionata ad adempiere ai propri obblighi verso il Fondo o non fosse più in grado di farlo.
  • I mercati emergenti sono meno stabili e maggiormente esposti ad eventi politici rispetto a quelli sviluppati. Ciò può indicare una maggior volatilità e maggiori rischi di perdite per il Fondo rispetto ad investimenti in mercati più sviluppati.
  • Le variazioni dei tassi di cambio possono fare aumentare o diminuire il valore dell'investimento e dell'eventuale reddito da esso generato.
  • Se il Fondo o una determinata classe di azioni del Fondo cerca di ridurre i rischi (ad es. oscillazioni dei tassi di cambio), le misure adottate per conseguire tale obiettivo possono risultare inefficaci, non disponibili o deleterie.
  • Ciascun titolo potrebbe risultare difficile da valutare o da vendere al prezzo e nel momento desiderati, aumentando il rischio di perdite degli investimenti.

Rating del rischio

Janus Henderson Horizon Global Technology Fund

Il presente documento è ad uso esclusivo dei professionisti del settore e non è destinato alla distribuzione al pubblico.

Janus Henderson Horizon Fund (il “Fondo”) è una SICAV lussemburghese costituita il 30 maggio 1985 e gestita da Henderson Management S.A. Eventuali richieste di investimento saranno effettuate unicamente sulla base delle informazioni contenute nel prospetto del Fondo (compresi tutti i documenti di riferimento pertinenti), che conterrà le limitazioni relative all'investimento stesso. Il presente documento è da intendersi unicamente come una sintesi e il potenziale investitore è tenuto a leggere il prospetto del Fondo e il documento contenente le informazioni chiave per l'investitore (KIID), prima di procedere all'investimento. Copie del prospetto del Fondo e del KIID sono disponibili presso Henderson Global Investors Limited, agente in qualità di Gestore degli investimenti e Distributore.

Pubblicato da Janus Henderson Investors. Janus Henderson Investors è il nome con cui vengono forniti i prodotti e i servizi d’investimento da Janus Capital International Limited (n. di reg. 3594615), Henderson Global Investors Limited (n. di reg. 906355), Henderson Investment Funds Limited (n. di reg. 2678531), AlphaGen Capital Limited (n. di reg. 962757), Henderson Equity Partners Limited (n. di reg. 2606646) (ciascuna registrata in Inghilterra e Galles all’indirizzo 201 Bishopsgate, Londra EC2M 3AE e regolamentata dalla Financial Conduct Authority) e da Henderson Management S.A. (n. di reg. B22848, registrata all’indirizzo 2 Rue de Bitbourg, L-1273, Lussemburgo e regolamentata dalla Commission de Surveillance du Secteur Financier).

La performance ottenuta in passato non è indicativa dei rendimenti futuri. I dati di performance non tengono conto di costi e commissioni sostenuti per l'emissione e il riscatto delle quote. Il valore di un investimento e il ritorno che ne deriva potrebbero aumentare o diminuire. Di conseguenza, potrebbe non essere possibile recuperare il capitale investito in origine. Il regime fiscale può variare in funzione delle disposizioni di legge di volta in volta vigenti e l’entità dello sgravio fiscale dipenderà dalle singole circostanze. Nel caso di investimenti effettuati tramite intermediari abilitati, si prega di rivolgersi direttamente a questi ultimi, in quanto costi, rendimenti e condizioni dell’investimento potrebbero differire sensibilmente.

Nulla nel presente documento è inteso come consiglio, né deve essere interpretato come tale. Il presente documento non costituisce una raccomandazione a vendere o acquistare alcun investimento, né fa parte di alcun contratto per la vendita o l'acquisto di investimenti.

Il Fondo rappresenta un organismo di investimento collettivo autorizzato per finalità di promozione nel Regno Unito. Potenziali investitori del Regno Unito sono invitati a prendere atto che tutte o la maggior parte delle tutele previste dalle normative britanniche non sono applicabili a investimenti nel Fondo e che non saranno disponibili rimborsi in virtù dello United Kingdom Financial Services Compensation Scheme.

Copie del prospetto del Fondo e del documento contenente le informazioni chiave per l'investitore sono disponibili in inglese, francese, tedesco e italiano. L'atto costitutivo, le relazioni annuali e semestrali sono disponibili in inglese. Il KIID è disponibile anche in spagnolo. Tutti questi documenti possono essere richiesti gratuitamente presso gli uffici locali di Janus Henderson Investors: 201 Bishopsgate, Londra, EC2M 3AE per investitori di Regno Unito, Svezia e Paesi scandinavi; Via Dante 14, 20121, Milano, Italia, per investitori italiani e Roemer Visscherstraat 43-45, 1054 EW, Amsterdam, Paesi Bassi per investitori olandesi; e presso: l’Agente pagatore austriaco Raiffeisen Bank International AG, Am Stadtpark 9, A-1030 Vienna; l’Agente pagatore francese BNP Paribas Securities Services, 3, rue d’Antin, F-75002 Parigi; l’Agente informativo tedesco Marcard, Stein & Co, Ballindamm 36, 20095 Amburgo; il Fornitore di servizi finanziari belga CACEIS Belgium S.A., Avenue du Port, 86 C b320, B-1000 Bruxelles; il Rappresentante spagnolo Allfunds Bank S.A. Estafeta, 6 Complejo Plaza de la Fuente, La Moraleja, Alcobendas 28109 Madrid; il Rappresentante a Singapore Janus Henderson Investors (Singapore) Limited, 138 Market Street, #34-03 / 04 CapitaGreen Singapore 048946; oil Rappresentante svizzero BNP Paribas Securities Services, Parigi, succursale di Zurigo, Selnaustrasse 16, 8002 Zurigo, che agisce anche in qualità di Agente pagatore svizzero. RBC Investor Services Trust Hong Kong Limited, una controllata della joint venture britannica RBC Investor Services Limited, 51/F Central Plaza, 18 Harbour Road, Wanchai, Hong Kong, Tel: +852 2978 5656 è il Rappresentante del Fondo a Hong Kong.

Rischi specifici

  • Le azioni possono perdere valore rapidamente e normalmente implicano rischi più elevati rispetto alle obbligazioni o agli strumenti del mercato monetario. Di conseguenza il valore del proprio investimento potrebbe diminuire.
  • Questo fondo è destinato a essere utilizzato solo come componente di un portafogli d'investimenti diversificato. Gli investitori dovrebbero valutare con attenzione la percentuale del loro portafoglio investita in questo fondo.
  • Il Fondo potrebbe perdere denaro se una controparte con la quale effettua scambi non fosse più intenzionata ad adempiere ai propri obblighi verso il Fondo o non fosse più in grado di farlo.
  • Le variazioni dei tassi di cambio possono fare aumentare o diminuire il valore dell'investimento e dell'eventuale reddito da esso generato.
  • Se il Fondo o una determinata classe di azioni del Fondo cerca di ridurre i rischi (ad es. oscillazioni dei tassi di cambio), le misure adottate per conseguire tale obiettivo possono risultare inefficaci, non disponibili o deleterie.
  • Il valore del Fondo può ridursi quando ha concentrato la sua esposizione in un solo settore che risulti pesantemente colpito da un evento avverso.
  • Ciascun titolo potrebbe risultare difficile da valutare o da vendere al prezzo e nel momento desiderati, aumentando il rischio di perdite degli investimenti.

Rating del rischio

Azione

Messaggio importante