Crescita globale: la diffusione dei pagamenti elettronici

04/05/2017

Scaricare

I gestori della strategia Henderson Global Growth cercano di identificare le tendenze a lungo termine che ritengono poco apprezzate dal mercato. Una di queste è la crescente propensione verso i pagamenti elettronici, accompagnata dal graduale abbandono dei contanti come mezzo di scambio. Ian Warmerdam, Head of Global Growth, e il Portfolio Manager Gordon Mackay spiegano perché sono convinti che questa tendenza sia destinata a proseguire.

Sebbene i contanti rivestano ancora un ruolo dominante quando si tratta di pagamenti globali, la crescente diffusione dei pagamenti basati su carte di credito sembra destinata a continuare. Tra i fattori principali che sostengono un più assiduo utilizzo delle carte di credito si annoverano la crescita del settore retail online, innovazioni come la tecnologia mobile POS e il frequente ricorso alle carte prepagate.

Diffusione dei pagamenti tramite carta di credito

La penetrazione dei pagamenti con carta di credito come quota della spesa totale personale dei consumatori globali si è attestata a circa il 41% nel 2015, in rialzo dal 26% del 2007, come illustrato nel Grafico 1. Per quanto riguarda la ripartizione geografica, i livelli di penetrazione variano da un'adozione generalmente più elevata in mercati come Canada (72%) e USA (57%) a un tasso di solo il 10% circa in economie emergenti come Messico e Russia. Aspetto interessante: i tassi di diffusione delle carte di credito rimangono relativamente contenuti in Europa (33%), con Spagna, Germania e Italia a rappresentare i paesi con la minore penetrazione. In un'ottica di lungo termine, comunque, non ci sono motivi per escluderne un aumento al 60-70% ovvero agli stessi livelli già registrati da alcuni paesi.

Fonte: Bernstein, relazione sui pagamenti globali, ottobre 2016

Grafico 1: Crescente penetrazione delle carte di credito per gli acquisti globali

Grafico 1: Crescente penetrazione delle carte di credito per gli acquisti globali

Fonte: Nilson, World Bank, Fondo Monetario Internazionale e analisi di Bernstein, ottobre 2016. E=Stime

Crescita dell'e-commerce

Un fattore evidente che guida l'accelerazione del tasso di conversione dei pagamenti da contanti a carte di credito è la diffusione dell'e-commerce (vendite online), come illustrato nel Grafico 2. I pagamenti con carta di credito rappresentano circa il 90% delle transazioni online a livello globale e, pertanto, l'ulteriore espansione del commercio su internet si tradurrà in un maggiore utilizzo delle carte di credito. Sebbene molti ritengano che l'e-commerce sia già ben penetrato, in realtà anche nei mercati sviluppati la quota effettiva delle vendite online rimane molto più bassa rispetto al fatturato offline. Negli USA, ad esempio, le vendite al dettaglio ascrivibili al settore dell'e-commerce equivalgono a meno del 10% del totale, lasciando presupporre dunque un ampio margine di crescita.

Grafico 2: L'aumento delle vendite da e-commerce sembra destinato a proseguire

Grafico 2: L'aumento delle vendite da e-commerce sembra destinato a proseguire

Fonte: Retail Indicators Branch, US Census Bureau. Stime di Citi Research al 17 novembre 2016. E-commerce = vendite online, e=stime

In secondo luogo, l'accettazione da parte dei commercianti delle carte di credito come forma di pagamento ne ha limitato la diffusione, soprattutto (ma non solo) nelle economie in via di sviluppo. Ad esempio, gli USA hanno da 5 a 6 volte più terminali POS pro capite rispetto al resto del mondo e ciò implica un'eccellente possibilità di aumento della penetrazione in altre regioni, di pari passo con l'incremento del numero di terminali.

Tecnologia mobile POS (mPOS)

Grafico 3: Numero di fornitori di mobile POS a livello mondiale

Grafico 3: Numero di fornitori di mobile POS a livello mondiale

Fonte: analisi mondiale sulla tecnologia mPOS e analisi di Bernstein. CAGR = Tasso di crescita annuo composito

Come si evince dal Grafico 3, questa tendenza sta accelerando grazie all'innovazione della tecnologia mobile POS, che può davvero fare la differenza in termini di accettazione globale delle carte di credito da parte dei commercianti, in virtù del suo basso costo e della facilità di impiego anche nei punti vendita di piccole e medie dimensioni.

Inoltre, il numero di società che sviluppano piattaforme di pagamento mobile low cost è cresciuto rapidamente negli ultimi anni. A fine 2016, si stimava che tali società fossero 330 in tutto il mondo, rispetto alle pochissime operative anche solo nel 2010. Con circa un terzo di tali aziende concentrate soprattutto nei mercati emergenti, è molto probabile che sia l'accettazione delle carte da parte dei commercianti che il loro effettivo utilizzo continueranno ad aumentare a un ritmo sostenuto.

Carte prepagate

Infine, anche la crescente diffusione delle carte prepagate ha contribuito a stimolare i pagamenti elettronici. Le carte prepagate possono essere di natura fisica, come le cosiddette "gift card" da spendere nei negozi selezionati o le carte di debito precaricate, oppure assumere la forma di "portafogli virtuali", come quelli utilizzati da Starbucks grazie ai quali i clienti salvano il proprio credito su un telefono cellulare.

Secondo la Banca Mondiale, circa il 38% della popolazione adulta in tutto il mondo non possiede un conto corrente, mentre si pensa che perfino negli USA circa il 7% delle famiglie non abbia accesso alle strutture bancarie di base. Sussiste pertanto un'enorme opportunità per le carte prepagate, che potrebbero contribuire a colmare questo divario e aumentare la consapevolezza dei consumatori riguardo alle opzioni alternative a loro disposizione.

Focus sui titoli growth globali

La portata dei fattori che sostengono la crescita a lungo termine dei pagamenti elettronici come mezzo di scambio dovrebbe andare a vantaggio di numerose società presenti nel portafoglio della strategia Henderson Global Growth, come Visa e American Express.

Visa è la maggiore delle due principali reti di pagamento globale e, a nostro avviso, gode di un ottimo posizionamento per beneficiare del graduale spostamento verso le soluzioni "paperless". Il marchio della società non ha rivali in fatto di reputazione fra i commercianti mondiali e, nonostante le sue dimensioni, continua a crescere a un tasso superiore al 10% grazie alla diffusione delle carte di credito e all'aumento della spesa per i consumi personali. La società genera livelli elevati di liquidità in eccesso, che possono essere restituiti agli investitori, ma mantiene al contempo una valutazione molto interessante e, a nostro avviso, resterà un'azienda growth di alta qualità nel lungo termine.

Analogamente, siamo convinti che la partecipazione del portafoglio in American Express possa beneficiare della crescita strutturale dei pagamenti elettronici. American Express (Amex) è l'unica nel settore a possedere e controllare la rete di carte proprietarie che gestisce, potendo così mantenere tutto il suo valore economico. Questo è molto importante, perché consente ad Amex di offrire riconoscimenti più allettanti ai suoi membri rispetto alla concorrenza, il che incoraggia i titolari di carte a pagare con la propria American Express per ottenere ancora più premi rispetto a quelli offerti da altre carte. Tutto ciò rafforza ulteriormente la rete. La società ha riportato un'ottima capacità di generare utili in molti anni di attività e ha sempre distribuito la liquidità in eccesso agli azionisti tramite dividendi e riacquisti azionari. Anche la sua valutazione rimane a nostro avviso interessante, grazie a prospettive di lungo termine favorevoli.

Nel complesso, riteniamo che la costante diffusione dei pagamenti elettronici e il graduale abbandono dei contanti come mezzo di scambio offrano agli investitori di lungo periodo opportunità di crescita da non perdere.


Nota: i titoli menzionati sono citati unicamente a fini di esempio e non sono indicativi del rendimento storico o futuro della strategia né delle sue possibilità di successo. Henderson Global Investors, un suo affiliato o un suo dipendente potrebbero essere titolari di una delle posizioni citate nei titoli a cui si fa riferimento nella presente relazione. I riferimenti a singoli titoli non costituiscono un’offerta o un invito a emettere, vendere, sottoscrivere o acquistare tali titoli.


Queste sono le opinioni dell'autore al momento della pubblicazione e possono differire da quelle di altri soggetti/team di Janus Henderson Investors. Eventuali titoli, fondi, settori e indici citati nel presente articolo non costituiscono né fanno parte di alcuna offerta o invito all'acquisto o alla vendita.

I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri. Tutti i dati dei rendimenti includono sia il reddito che le plusvalenze o le eventuali perdite ma sono al lordo dei costi delle commissioni dovuti al momento dell'emissione.

Le informazioni contenute in questo articolo non devono essere intese come una guida all'investimento.

Ai soli fini promozionali.


Informazioni importanti

Si prega di leggere attentamente le seguenti informazioni sui fondi citati in  questo articolo.

Janus Henderson Global Equity Fund

Janus Henderson Fund (il “Fondo”) è una SICAV lussemburghese costituita il 26 settembre 2000 e gestita da Henderson Management S.A. Eventuali richieste di investimento saranno effettuate unicamente sulla base delle informazioni contenute nel prospetto del Fondo (compresi tutti i documenti di riferimento pertinenti), che conterrà le limitazioni relative all'investimento stesso. Il presente documento è da intendersi unicamente come una sintesi e il potenziale investitore è tenuto a leggere il prospetto del Fondo e il documento contenente le informazioni chiave per l'investitore (KIID), prima di procedere all'investimento. Copie del prospetto del Fondo e del KIID sono disponibili presso Henderson Global Investors Limited, in qualità di Gestore degli investimenti e Distributore.

Janus Henderson Investors è il nome con cui vengono forniti i prodotti e i servizi d’investimento da Janus Capital International Limited (n. di reg. 3594615), Henderson Global Investors Limited (n. di reg. 906355), Henderson Investment Funds Limited (n. di reg. 2678531), AlphaGen Capital Limited (n. di reg. 962757), Henderson Equity Partners Limited (n. di reg. 2606646) (ciascuna registrata in Inghilterra e Galles all’indirizzo 201 Bishopsgate, Londra EC2M 3AE e regolamentata dalla Financial Conduct Authority) e da Henderson Management S.A. (n. di reg. B22848, registrata all’indirizzo 2 Rue de Bitbourg, L-1273, Lussemburgo e regolamentata dalla Commission de Surveillance du Secteur Financier).

Nulla nel presente documento è inteso come consiglio, né deve essere interpretato come tale. Il presente documento non costituisce una raccomandazione a vendere o acquistare alcun investimento, né fa parte di alcun contratto per la vendita o l'acquisto di investimenti.

La performance ottenuta in passato non è indicativa dei rendimenti futuri. I dati di performance non tengono conto di costi e commissioni sostenuti per l'emissione e il riscatto delle quote. Il valore di un investimento e il ritorno che ne deriva potrebbero aumentare o diminuire. Di conseguenza, potrebbe non essere possibile recuperare il capitale investito in origine. Il regime fiscale può variare in funzione delle disposizioni di legge di volta in volta vigenti e l’entità dello sgravio fiscale dipenderà dalle singole circostanze. Nel caso di investimenti effettuati tramite intermediari abilitati, si prega di rivolgersi direttamente a questi ultimi, in quanto costi, rendimenti e condizioni dell’investimento potrebbero differire sensibilmente.

Il Fondo rappresenta un organismo di investimento collettivo autorizzato per finalità di promozione nel Regno Unito. Potenziali investitori del Regno Unito sono invitati a prendere atto che tutte o la maggior parte delle tutele previste dalle normative britanniche non sono applicabili a investimenti nel Fondo e che non saranno disponibili rimborsi in virtù dello United Kingdom Financial Services Compensation Scheme.

Copie del prospetto del Fondo e del documento contenente le informazioni chiave per l'investitore sono disponibili in inglese, francese, tedesco e italiano. L'atto costitutivo, le relazioni annuali e semestrali sono disponibili in inglese. Il KIID è disponibile anche in spagnolo. Tutti questi documenti possono essere richiesti gratuitamente presso la sede legale del Fondo in Lussemburgo: 2 Rue de Bitbourg, L-1273 Lussemburgo, in Germania: Janus Henderson Investors, Tower 185, Friedrich-Ebert-Anlage 35-37, 60327 Francoforte, in Austria: Bank Austria Creditanstalt AG, Am Hof 2, 1010 Vienna, in Spagna: sede dei distributori spagnoli, il cui elenco è disponibile su www.cnmv.es (Janua Henderson Fund è registrato presso la CNMV al numero 259); in Belgio: Fornitore di servizi finanziari belga CACEIS Belgium S.A., Avenue du Port 86 C b320, B-1000 Bruxelles; a Singapore: Rappresentante a Singapore Janus Henderson Investors (Singapore) Limited, 138 Market Street #34-03/04 CapitaGreen, Singapore 048946; e in Svizzera presso il rappresentante svizzero: BNP Paribas Securities Services, Parigi, succursale di Zurigo, Selnaustrasse 16, CH-8002 Zurigo, che agisce anche in qualità di Agente pagatore svizzero.

N.B. gli investitori nell’Isola di Man non saranno tutelati dagli accordi di indennizzo statutari in relazione a Janus Henderson Fund. Le conversazioni telefoniche possono essere registrate per la nostra reciproca protezione, per migliorare il servizio clienti e per scopi di conservazione dei registri normativi.

Rischi specifici

  • Le azioni possono perdere valore rapidamente e normalmente implicano rischi più elevati rispetto alle obbligazioni o agli strumenti del mercato monetario. Di conseguenza il valore del proprio investimento potrebbe diminuire.
  • Questo fondo è destinato a essere utilizzato solo come componente di un portafogli d'investimenti diversificato. Gli investitori dovrebbero valutare con attenzione la percentuale del loro portafoglio investita in questo fondo.
  • Il Fondo può avere un portafoglio particolarmente concentrato (numero limitato di partecipazioni) rispetto al suo universo d’investimento e un evento avverso che riguarda solo un numero limitato di partecipazioni può esporre il Fondo a una una forte volatilità o a notevoli perdite.
  • Il Fondo potrebbe perdere denaro se una controparte con la quale effettua scambi non fosse più intenzionata ad adempiere ai propri obblighi verso il Fondo o non fosse più in grado di farlo.
  • Le variazioni dei tassi di cambio possono fare aumentare o diminuire il valore dell'investimento e dell'eventuale reddito da esso generato.
  • Se il Fondo o una determinata classe di azioni del Fondo cerca di ridurre i rischi (ad es. oscillazioni dei tassi di cambio), le misure adottate per conseguire tale obiettivo possono risultare inefficaci, non disponibili o deleterie.
  • Ciascun titolo potrebbe risultare difficile da valutare o da vendere al prezzo e nel momento desiderati, aumentando il rischio di perdite degli investimenti.

Rating del rischio

Azione

Investire nel potere della disruption

Oggi più che mai il cambiamento avanza a un ritmo esponenziale. La disruption si fa sentire in tutti i settori e in tutte le aree geografiche e sta dando prova di essere un elemento che fa la differenza in termini di performance a lungo termine dei portafogli di investimento. La disruption porta con sé opportunità interessanti, ma anche rischi significativi di rimanere appunto "travolti".



Fondi correlati

Classificazioni

Messaggio importante