US-China trade negotiations — another ceasefire

01/07/2019

Scaricare

Paul O’Connor, Head of the UK-based Multi-Asset Team, shares his views on the meeting between the US and China at the G20 Summit in Osaka and explains why the ceasefire does not necessarily mean an end to the trade war.

 

At face value, this weekend’s agreement between China and the US to resume trade negotiations after a six week stalemate is good news for the global economy and good news for risk assets. The key positives here are that no new tariffs were announced, Donald Trump reversed his earlier decision to blacklist Huawei and the path to a further de-escalation of trade hostilities has been re-opened.

Relief rally

The consensus expectation going into the G20 summit was that the two parties would find some way to kick the can down the road, where the trade talks were concerned. While that is largely what happened, the Huawei concession and the overall tone of the leaders’ comments were more constructive than many expected. Given the adversarial rhetoric from both sides during the run-up to the G20 and the fact that at one stage there were doubts about whether the meeting would actually take place, more adverse outcomes certainly looked possible pre-summit. A relief rally in equities and other risk assets seems justified.

Beyond the short-term response, we still see many reasons for retaining a cautious view on the strategic outlook for US-China economic relations. For one thing, the most recent developments revived memories of the last G20 in December and two other meetings between Trump and Xi in 2017. These saw the leaders forge constructive agreements when meeting face to face, only for progress to be overwhelmed by a renewal of hostilities a few months down the road. It is hard to rule out another repeat of this pattern of agreement followed by breakdown and then re-escalation.

No detail, no commitments

A broader concern for us is that, aside from the Huawei move, the two sides made little meaningful progress at the summit in tackling the key strategic issues of intellectual property rights and technology transfer. More generally, it could reasonably be argued that few real commitments were made at the summit on any topics. The post-summit statements were very light on detail and no timelines were given. Even Donald Trump’s decision to hold back from putting new tariffs on China was only offered “for the time being”.

Which way on Huawei?

On the Huawei front, it is far from clear how durable or broad Trump’s reprieve will be. The weekend media was filled with comments from US politicians from both sides of the house criticising Donald Trump’s decision to lift the ban. Senior Republican Senator Marco Rubio called the decision “a catastrophic mistake” and predicted that Congress would reinstate restrictions on Huawei. Larry Kudlow, director of the National Economic Council, said that Huawei was not being offered “a general amnesty” and that “national security issues will remain paramount”. It has been reported that Donald Trump will meet his advisers this week to decide how to proceed on this issue. The risks seem skewed towards the policy implementation here being less generous than the weekend’s headlines might have suggested. 

Growth concerns linger

So, while we believe that there was enough good news in the weekend’s developments to support a relief rally in equities and other risk assets, we do not see enough here to propel a sustained upswing in risk appetite. It is good news that some of the more adverse potential summit outcomes have been avoided but no real progress has been made to resolve the key areas of strategic economic conflict between these two countries. This G20 meeting was no game-changer for China-US relations.

Enduring concerns about the outlook for global growth mean that financial markets are likely to remain highly sensitive to any further developments in the China-US negotiations. Trade-related uncertainty continues to overshadow the global manufacturing sector, where confidence remains low and capital expenditure intentions are subdued. Surveys of business confidence among Chinese and Japanese manufacturers released overnight provided further evidence of this cautious global theme. Attention now turns to the important ISM manufacturing survey and payroll data being released in the US later this week.

 

Queste sono le opinioni dell'autore al momento della pubblicazione e possono differire da quelle di altri soggetti/team di Janus Henderson Investors. Eventuali titoli, fondi, settori e indici citati nel presente articolo non costituiscono né fanno parte di alcuna offerta o invito all'acquisto o alla vendita.

I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri. Tutti i dati dei rendimenti includono sia il reddito che le plusvalenze o le eventuali perdite ma sono al lordo dei costi delle commissioni dovuti al momento dell'emissione.

Le informazioni contenute in questo articolo non devono essere intese come una guida all'investimento.

Ai soli fini promozionali.


Informazioni importanti

Si prega di leggere attentamente le seguenti informazioni sui fondi citati in  questo articolo.

Janus Henderson Horizon Global Multi-Asset Fund

Janus Henderson Horizon Fund (il “Fondo”) è una SICAV lussemburghese costituita il 30 maggio 1985 e gestita da Henderson Management S.A. Eventuali richieste di investimento saranno effettuate unicamente sulla base delle informazioni contenute nel prospetto del Fondo (compresi tutti i documenti di riferimento pertinenti), che conterrà le limitazioni relative all'investimento stesso. Il presente documento è da intendersi unicamente come una sintesi e il potenziale investitore è tenuto a leggere il prospetto del Fondo e il documento contenente le informazioni chiave per l'investitore (KIID), prima di procedere all'investimento. Copie del prospetto del Fondo e del KIID sono disponibili presso Henderson Global Investors Limited, agente in qualità di Gestore degli investimenti e Distributore.

Pubblicato in Europa da Janus Henderson Investors. Janus Henderson Investors è il nome con cui vengono forniti i prodotti e i servizi d’investimento da Janus Capital International Limited (n. di reg. 3594615), Henderson Global Investors Limited (n. di reg. 906355), Henderson Investment Funds Limited (n. di reg. 2678531), AlphaGen Capital Limited (n. di reg. 962757), Henderson Equity Partners Limited (n. di reg. 2606646) (ciascuna registrata in Inghilterra e Galles all’indirizzo 201 Bishopsgate, Londra EC2M 3AE e regolamentata dalla Financial Conduct Authority) e da Henderson Management S.A. (n. di reg. B22848, registrata all’indirizzo 2 Rue de Bitbourg, L-1273, Lussemburgo e regolamentata dalla Commission de Surveillance du Secteur Financier).

Le conversazioni telefoniche possono essere registrate per la nostra reciproca protezione, per migliorare il servizio clienti e per scopi di conservazione dei registri normativi.

La performance ottenuta in passato non è indicativa dei rendimenti futuri. I dati di performance non tengono conto di costi e commissioni sostenuti per l'emissione e il riscatto delle quote. Il valore di un investimento e il ritorno che ne deriva potrebbero aumentare o diminuire. Di conseguenza, potrebbe non essere possibile recuperare il capitale investito in origine. Il regime fiscale può variare in funzione delle disposizioni di legge di volta in volta vigenti e l’entità dello sgravio fiscale dipenderà dalle singole circostanze. Nel caso di investimenti effettuati tramite intermediari abilitati, si prega di rivolgersi direttamente a questi ultimi, in quanto costi, rendimenti e condizioni dell’investimento potrebbero differire sensibilmente.

Nulla nel presente documento è inteso come consiglio, né deve essere interpretato come tale. Il presente documento non costituisce una raccomandazione a vendere o acquistare alcun investimento, né fa parte di alcun contratto per la vendita o l'acquisto di investimenti.

Il Fondo rappresenta un organismo di investimento collettivo autorizzato per finalità di promozione nel Regno Unito. Potenziali investitori del Regno Unito sono invitati a prendere atto che tutte o la maggior parte delle tutele previste dalle normative britanniche non sono applicabili a investimenti nel Fondo e che non saranno disponibili rimborsi in virtù dello United Kingdom Financial Services Compensation Scheme.

Copie del prospetto del Fondo e del documento contenente le informazioni chiave per l'investitore sono disponibili in inglese, francese, tedesco e italiano. L'atto costitutivo, le relazioni annuali e semestrali sono disponibili in inglese. Il KIID è disponibile anche in spagnolo. Tutti questi documenti possono essere richiesti gratuitamente presso gli uffici locali di Janus Henderson Investors: 201 Bishopsgate, Londra, EC2M 3AE per investitori di Regno Unito, Svezia e Paesi scandinavi; Via Dante 14, 20121, Milano, Italia, per investitori italiani e Roemer Visscherstraat 43-45, 1054 EW, Amsterdam, Paesi Bassi per investitori olandesi; e presso: l’Agente pagatore austriaco Raiffeisen Bank International AG, Am Stadtpark 9, A-1030 Vienna; l’Agente pagatore francese BNP Paribas Securities Services, 3, rue d’Antin, F-75002 Parigi; l’Agente informativo tedesco Marcard, Stein & Co, Ballindamm 36, 20095 Amburgo; il Fornitore di servizi finanziari belga CACEIS Belgium S.A., Avenue du Port, 86 C b320, B-1000 Bruxelles; il Rappresentante spagnolo Allfunds Bank S.A. Estafeta, 6 Complejo Plaza de la Fuente, La Moraleja, Alcobendas 28109 Madrid; il Rappresentante a Singapore Janus Henderson Investors (Singapore) Limited, 138 Market Street #34-03/04 CapitaGreen, Singapore 048946; o il Rappresentante svizzero BNP Paribas Securities Services, Parigi, succursale di Zurigo, Selnaustrasse 16, 8002 Zurigo, che agisce anche in qualità di Agente pagatore svizzero. RBC Investor Services Trust Hong Kong Limited, una controllata della joint venture britannica RBC Investor Services Limited, 51/F Central Plaza, 18 Harbour Road, Wanchai, Hong Kong, Tel: +852 2978 5656 è il Rappresentante del Fondo a Hong Kong.

Rischi specifici

  • Le azioni possono perdere valore rapidamente e normalmente implicano rischi più elevati rispetto alle obbligazioni o agli strumenti del mercato monetario. Di conseguenza il valore del proprio investimento potrebbe diminuire.
  • Il Fondo può investire in altri fondi, il che può comportare un aumento delle perdite per via dell'investimento in attivi rischiosi quali immobili o materie prime, limitazioni ai prelievi, normative meno severe e uso di derivati.
  • Il Fondo potrebbe perdere denaro se una controparte con la quale effettua scambi non fosse più intenzionata ad adempiere ai propri obblighi verso il Fondo o non fosse più in grado di farlo.
  • Il valore di un'obbligazione o di uno strumento del mercato monetario può ridursi se la solidità finanziaria dell'emittente diminuisce o laddove il mercato ritenga che possa diminuire. Questo rischio è tanto maggiore quanto più la qualità del credito dell'obbligazione è bassa.
  • Le variazioni dei tassi di cambio possono fare aumentare o diminuire il valore dell'investimento e dell'eventuale reddito da esso generato.
  • Se il Fondo o una determinata classe di azioni del Fondo cerca di ridurre i rischi (ad es. oscillazioni dei tassi di cambio), le misure adottate per conseguire tale obiettivo possono risultare inefficaci, non disponibili o deleterie.
  • L'aumento (o la diminuzione) dei tassi d'interesse può influire in modo diverso su titoli diversi. Nello specifico, i valori delle obbligazioni si riducono di norma con l'aumentare dei tassi d'interesse. Questo rischio risulta di norma più significativo quando la scadenza di un investimento obbligazionario è a più lungo termine.
  • Ciascun titolo potrebbe risultare difficile da valutare o da vendere al prezzo e nel momento desiderati, aumentando il rischio di perdite degli investimenti.

Rating del rischio

Azione

Messaggio importante