La crescita dei dividendi negli Stati Uniti rallenta sui minimi dopo la crisi

21/11/2016

Scaricare

​Nel terzo trimestre, i dividendi globali sono scesi a 281,7 miliardi di dollari, in calo del 4,0% rispetto all’anno precedente, secondo l’Henderson Global Dividend Index. È stata la peggiore performance dal secondo trimestre del 2015. Questa flessione è attribuibile a tre fattori principali. Primo, il calo dei dividendi straordinari soprattutto negli Stati Uniti. Secondo, il terzo trimestre è il picco stagionale in regioni che in questo momento presentano una crescita dei dividendi più lenta, come i mercati emergenti, l'Australia e il Regno Unito. Infine, la crescita dei dividendi negli Stati Uniti ha rallentato. Essendo il paese che contribuisce di più ai dividendi, un suo rallentamento produce un impatto rilevante. Su base sottostante, ovvero rettificato per i tassi di cambio, per i dividendi straordinari e altri fattori, il totale globale è sceso dello 0,3%.

Dati di sintesi

  • I dividendi globali sono scesi del 4,0% nel terzo trimestre attestandosi a 281,7 miliardi di dollari, la peggiore performance dal 2° trimestre 2015.
  • Il calo dei dividendi straordinari negli Stati Uniti ha prodotto un impatto rilevante sul dato complessivo, ma anche la crescita sottostante è rallentata.
  • Fattori stagionali nelle aree più deboli, come Cina, Australia e Regno Unito.
  • I dividendi su base sottostante (ovvero rettificati per i dividendi straordinari, le oscillazioni dei tassi di cambio e altri fattori) sono scesi dello 0,3%.
  • Henderson ha rivisto leggermente al ribasso le stime di crescita dei dividendi per il 2016 allo 0,9% complessivamente e all’1,0% per il dato sottostante.
  • I dividendi totali su scala globale per il 2016 prevedibilmente saranno di 1.160 miliardi di dollari. 


Fonte: Henderson Global Investors al 30 Settembre 2016

Gli Stati Uniti rappresentano il 40% dei dividendi globali, pertanto le tendenze di questo paese producono un impatto rilevante. Le distribuzioni sono scese del 7,0% a quota 100,4 miliardi di dollari nel 3° trimestre, principalmente perché non si sono ripetuti i dividendi straordinari molto alti del 3° trimestre dello scorso anno. Comunque, la crescita sottostante è stata del 3,0% soltanto, il tasso di crescita più basso negli Stati Uniti dalla crisi finanziaria, che conferma una decelerazione iniziata circa un anno fa. Il rallentamento è collegato a un calo della crescita degli utili negli Stati Uniti dovuto in parte al dollaro forte, e riflette anche l'aumento dell'indebitamento delle imprese americane che di conseguenza sono più prudenti con i flussi di cassa.

La debolezza del 3° trimestre riflette inoltre i picchi stagionali nelle aree in cui la crescita del dividendo è più debole, ovvero Australia, Cina e altri mercati emergenti, e Regno Unito.
 
Le società australiane pagano la maggior parte dei dividendi nella regione Asia-Pacifico (Giappone escluso), e oltre il 40% del totale annuale del paese viene distribuito nel 3° trimestre. È stata la performance peggiore della regione, con un calo del totale (18,2 miliardi di dollari) del 6,9% in termini complessivi, nonostante il rafforzamento della valuta. Il calo dei dividendi sottostanti in Australia del 10,2% dipende da BHP Billiton, conglomerata del settore minerario, che ha tagliato il dividendo di oltre 2 miliardi di dollari nel 3° trimestre, seguita a ruota dalla concorrente più piccola Rio Tinto. Le società finanziarie sono i principali erogatori di dividendi in Australia, con il 60% del totale annuale. I dividendi bancari finora hanno resistito nonostante i timori di un boom del credito nel paese e la possibilità di nuovi controlli sul capitale obbligatorio. ANZ ha rappresentato un’eccezione, il nuovo CEO ha tagliato leggermente il dividendo per proteggere i capital ratios.

I dividendi nei mercati emergenti sono scesi per il terzo trimestre consecutivo. I dividendi complessivi sono scesi del 7,1% a 42,9 miliardi, quelli sottostanti del 7,7%. In Cina, di gran lunga il principale pagatore nei mercati emergenti, i dividendi sono sotto pressione. Il 2016 registrerà il secondo calo annuale consecutivo per la Cina. Le società cinesi stanno riducendo i payout ratios, soprattutto nel settore bancario, che sta cercando di proteggere la situazione patrimoniale, vulnerabile nei confronti delle sofferenze. Per esempio, China Construction Bank, il principale pagatore al mondo nel terzo trimestre, quest’anno ha tagliato il dividendo di 1,8 miliardi di dollari a 10,0 miliardi di dollari. Complessivamente le banche rappresentano oltre l'80% dei dividendi cinesi e questo spiega perché il totale in Cina è sceso del 4,5% a 24,6 miliardi di dollari, con un calo su base sottostante del 10,8%.

Gli investitori globali nel mercato azionario britannico hanno registrato un calo del 13,9% su base annua nel 3° trimestre a 26,3 miliardi di dollari, dovuto principalmente alla svalutazione della sterlina dopo il voto sulla Brexit. I dividendi sottostanti nel Regno Unito sono scesi del 2,9% a causa dei profondi tagli operati dalle grandi società minerarie quotate nel Regno Unito, come Glencore, e da parte di Rolls Royce. Tuttavia, per un investitore in sterline la debolezza di tale valuta ha dato un buon impulso al livello dei pagamenti dei dividenti (considerato che il 40% circa dei dividendi nel Regno Unito sono pagati in dollari statunitensi), contribuendo a compensare l’impatto dei tagli sopra menzionati.

Il 3° trimestre non è una stagione rilevante per i dividendi in Giappone ed Europa. In Giappone continua il rapido aumento dei dividendi complessivi grazie alla forza dello yen, ma la crescita sottostante è lenta a causa degli utili aziendali sotto tono. Per l’Europa sarà un anno positivo. La Spagna si distingue nel 3° trimestre, e i dividendi nel paese sono più contenuti rispetto ai vicini europei, pertanto questo fattore maschera la forza in altre aree della regione.

Henderson ha rivisto leggermente al ribasso le stime per l’intero anno, prevediamo una crescita complessiva dello 0,9% su base annua che equivale a una crescita sottostante dell'1,0%. I dividendi globali si attesteranno probabilmente sui 1.160 miliardi di dollari.

Alex Crooke, Responsabile Global Equity Income di Henderson Global Investors ha dichiarato: “La crescita dei dividendi globali è stata debole quest’anno. La tendenza più significativa è la riduzione della crescita dei dividendi negli Stati Uniti, oggi sui minimi dal lancio dell’indice nel 2009. Non ci sembra un importante fattore di preoccupazione, dato che la crescita dei dividendi negli Stati Uniti è tornata su ritmi più sostenibili dopo un paio d'anni di espansione a doppia cifra. Gli Stati Uniti sono stati il motore dei dividendi globali negli ultimi due anni, pertanto il rallentamento nel paese spiega la decelerazione della crescita dei dividendi su scala globale. Con una buona performance in Europa, è possibile che la crescita sottostante della regione quest'anno superi il Nord America, ma non è bastata a compensare l'imprevista debolezza in altre regioni come Cina, Australia e Regno Unito.

La nostra ricerca mostra che il reddito degli investitori in alcune regioni del mondo dipende da pochi settori, o da un gruppo ristretto di società. Inoltre, i tassi di cambio sono stati molto volatili ultimamente. Di conseguenza, un approccio globale al reddito riduce questo rischio e amplia le opportunità disponibili, consentendo agli investitori di avvicinarsi a titoli con prospettive di crescita dei dividendi interessanti che altrimenti non sarebbero disponibili sui mercati locali.”
 

 Fonte: Henderson Global Investors al 30 settembre 2016

I rendimenti passati non sono garanzia dei risultati futuri. Gli investimenti internazionali comportano rischi specifici e una maggiore volatilità rispetto a quelli effettuati solamente nel Regno Unito. Tali rischi comprendono oscillazioni dei tassi di cambio, instabilità economica o finanziaria, mancanza di informazioni finanziarie puntuali o affidabili e sviluppi normativi o politici sfavorevoli.

 

-fine-

Informazioni per la stampa

Metodologia

Ogni anno Henderson analizza i dividendi distribuiti dalle prime 1.200 società per capitalizzazione di mercato (al 31/12 prima dell’inizio di ogni anno). I dividendi sono inseriti nel modelloil giorno in cui vengono pagati. I dividendi sono calcolati al lordo utilizzando il numero di azioni nel giorno di pagamento (si tratta di un'approssimazione, poiché le società in pratica fissano il tasso di cambio leggermente in anticipo rispetto al giornodi pagamento) e convertiti in dollari (USD) al tasso di cambio in vigore. Quando viene offerto uno scrip dividend, si presuppone che gli investitori optino per ricevere il 100% come liquidità. Questo sovrastima leggermente la liquidità distribuita ma riteniamo che sia l’approccio più proattivo per gestire gli scrip dividend. Nella maggior parte dei mercati questo approccio non produce differenze sostanziali ma in alcuni, in particolare quelli europei, l'effetto è maggiore. Questo vale in particolare perla Spagna. Il modello non tiene in considerazione il flottante, poichè ha l’obbiettivo di identificare la capacità delle principali aziende quotate del mondo di pagare dividendi, indipendentemente dall’azionariato. Abbiamo stimato i dividendi per le azioni che non sono tra le prime 1.200 utilizzando il valore medio delle distribuzioni, confrontato con i dividendi delle società ad alta capitalizzazione in un periodo di 5 anni. Questo significa che la stima avviene ad una percentuale fissa del 12,7% dei dividendi globali totali delle principali 1.200 aziende; pertanto, nel nostro modello, hanno il medesimo tasso di crescita. Non è dunque necessario fare ipotesi infondate circa il tasso di crescita dei dividendi delle società minori. Tutti i dati grezzi sono stati forniti da Exchange Data International e le analisi sono state svolte da Henderson Global Investors.
 
Contatti per i media
Ufficio stampa Henderson: 020 7818 4222 / pressoffice@henderson.com

Henderson Global Investors
Henderson Global Investors, interamente controllata da Henderson Group plc, è una società di asset management operante a livello globale, con una solida reputazione risalente al 1934. Henderson gestisce un patrimonio di 100,9 miliardi di sterline (al 30 settembre 2016) per conto di clienti nel Regno Unito, in Europa, Asia Pacifico e Nord America e impiega circa 1.000 collaboratori in tutto il mondo. Tra i clienti figurano banche, distributori terzi, compagnie di assicurazione, fondi pensionistici, enti governativi e aziende. Agendo esclusivamente in qualità di gestore di investimenti, Henderson offre investimenti in titoli azionari, a reddito fisso e multi-asset, nonché in prodotti alternativi come titoli immobiliari e hedge fund.
 
Il presente comunicato stampa è rivolto esclusivamente agli esponenti dei mezzi di informazione e non è destinato all'uso da parte di investitori privati, consulenti finanziari e investitori istituzionali. Le informazioni contenute nel presente documento non costituiscono una guida all’investimento, né devono essere interpretate come tali. I rendimenti passati non sono garanzia dei risultati futuri. Gli investimenti internazionali comportano rischi specifici e una maggiore volatilità rispetto a quelli effettuati nel solo Regno Unito. Tali rischi comprendono oscillazioni dei cambi, instabilità economica o finanziaria, la mancanza di informazioni finanziarie puntuali o affidabili e sviluppi normativi o politici sfavorevoli. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono diminuire o aumentare, ed è possibile che agli investitori non venga restituita l'intera somma originariamente investita.

Pubblicato nel Regno Unito da Henderson Global Investors. Henderson Global Investors è la denominazione utilizzata da Henderson Global Investors Limited (n. reg. 906355), Henderson Fund Management Limited (n. reg. 2607112), Henderson Investment Funds Limited (n. reg. 2678531), Henderson Investment Management Limited (n. reg. 1795354), AlphaGen Capital Ltd (n. reg. 962757), Henderson Equity Partners Limited (n.reg. 2606646), Gartmore Investment Limited (n.reg. 1508030) (ciascuna costituita e iscritta nel registro delle imprese in Inghilterra e Galles, con sede legale in 201 Bishopsgate, London EC2M 3AE), autorizzate e disciplinate dalla Financial Conduct Authority per la fornitura di prodotti e servizi di investimento.  Henderson Secretarial Services Limited (costituita e registrata in Inghilterra e Galles, n. reg. 1471624, con sede presso 201 Bishopsgate, Londra EC2M 3AE) è la denominazione con cui vengono erogati i servizi amministrativi della società. Tutte queste società sono controllate al 100% da Henderson Group plc (costituita e iscritta nel registro delle imprese del Jersey al n. 101484, sede legale 47 Esplanade, St Helier, Jersey JE1 0BD).  Le telefonate potrebbero essere registrate e monitorate. Rif: 34CC
 

Queste sono le opinioni dell'autore al momento della pubblicazione e possono differire da quelle di altri soggetti/team di Janus Henderson Investors. Eventuali titoli, fondi, settori e indici citati nel presente articolo non costituiscono né fanno parte di alcuna offerta o invito all'acquisto o alla vendita.

I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri. Tutti i dati dei rendimenti includono sia il reddito che le plusvalenze o le eventuali perdite ma sono al lordo dei costi delle commissioni dovuti al momento dell'emissione.

Le informazioni contenute in questo articolo non devono essere intese come una guida all'investimento.

Ai soli fini promozionali.


Informazioni importanti

Si prega di leggere attentamente le seguenti informazioni sui fondi citati in  questo articolo.

Janus Henderson Global Equity Income Fund

Prima di effettuare un investimento, si prega di leggere tutta la documentazione. Prima di stipulare un contratto di investimento in relazione a qualsivoglia investimento di cui al presente documento, si invita a consultare il proprio professionista e/o consulente di investimento.

La performance ottenuta in passato non è indicativa dei rendimenti futuri. Il valore di un investimento e il ritorno che ne deriva potrebbero aumentare o diminuire. Di conseguenza, potrebbe non essere possibile recuperare il capitale investito in origine. Il regime fiscale può variare in funzione delle disposizioni di legge di volta in volta vigenti e l’entità dello sgravio fiscale dipenderà dalle singole circostanze.

Nel caso di investimenti effettuati tramite intermediari abilitati, si prega di rivolgersi direttamente a questi ultimi, in quanto costi, rendimenti e condizioni dell’investimento potrebbero differire sensibilmente.

Nulla nel presente documento è inteso come consiglio, né deve essere interpretato come tale. Il presente documento non costituisce una raccomandazione a vendere o acquistare alcun investimento, né fa parte di alcun contratto per la vendita o l'acquisto di investimenti.

Eventuali richieste di investimento saranno effettuate unicamente sulla base delle informazioni contenute nel prospetto (compresi tutti i documenti di riferimento pertinenti), che conterrà le limitazioni relative all'investimento stesso. Il presente documento è da intendersi unicamente come una sintesi e il potenziale investitore è tenuto a leggere il prospetto e, laddove disponibile, il documento contenente le informazioni chiave per l'investitore, prima di procedere all'investimento. Copie del prospetto del Fondo e del documento contenente le informazioni chiave per l'investitore (KIID) sono disponibili in inglese, francese, tedesco e italiano. L'atto costitutivo, le relazioni annuali e semestrali sono disponibili in inglese. Tutti questi documenti possono essere richiesti gratuitamente presso la sede legale di Janus Henderson Investors: 201 Bishopsgate, Londra EC2M 3AE.

Pubblicato in Europa da Janus Henderson Investors. Janus Henderson Investors è il nome con cui vengono forniti i prodotti e i servizi d’investimento da Janus Capital International Limited (n. di reg. 3594615), Henderson Global Investors Limited (n. di reg. 906355), Henderson Investment Funds Limited (n. di reg. 2678531), AlphaGen Capital Limited (n. di reg. 962757), Henderson Equity Partners Limited (n. di reg. 2606646) (ciascuna registrata in Inghilterra e Galles all’indirizzo 201 Bishopsgate, Londra EC2M 3AE e regolamentata dalla Financial Conduct Authority) e da Henderson Management S.A. (n. di reg. B22848, registrata all’indirizzo 2 Rue de Bitbourg, L-1273, Lussemburgo e regolamentata dalla Commission de Surveillance du Secteur Financier).

Le conversazioni telefoniche possono essere registrate per la nostra reciproca protezione, per migliorare il servizio clienti e per scopi di conservazione dei registri normativi.

Copie del prospetto del Fondo sono disponibili in inglese, francese, spagnolo, tedesco e olandese. I documenti contenenti le informazioni chiave per l'investitore sono disponibili in inglese, danese, tedesco, finlandese, francese, italiano, norvegese, spagnolo, svedese e olandese. L'atto costitutivo, le relazioni annuali e semestrali sono disponibili in inglese. Tutti questi documenti possono essere richiesti gratuitamente presso gli uffici locali di Janus Henderson Investors: 201 Bishopsgate, Londra, EC2M 3AE per investitori di Regno Unito, Svezia e Paesi scandinavi; Via Dante 14, 20121, Milano, Italia, per investitori italiani e Roemer Visscherstraat 43-45, 1054 EW, Amsterdam, Paesi Bassi per investitori olandesi; e presso: l’Agente pagatore austriaco Raiffeisen Bank International AG, Am Stadtpark 9, A-1030 Vienna; l’Agente pagatore francese BNP Paribas Securities Services, 3, rue d’Antin, F-75002 Parigi; l’Agente informativo tedesco Marcard, Stein & Co, Ballindamm 36, 20095 Amburgo; il Fornitore di servizi finanziari belga CACEIS Belgium S.A., Avenue du Port, 86 C b320, B-1000 Bruxelles; il Rappresentante spagnolo Allfunds Bank S.A. Estafeta, 6 Complejo Plaza de la Fuente, La Moraleja, Alcobendas 28109 Madrid; il Rappresentante a Singapore Janus Henderson Investors (Singapore) Limited, 138 Market Street, #34-03 / 04 CapitaGreen Singapore 048946; o il Rappresentante svizzero BNP Paribas Securities Services, Parigi, succursale di Zurigo, Selnaustrasse 16, 8002 Zurigo, che agisce anche in qualità di Agente pagatore svizzero.

Rischi specifici

  • Le spese di gestione annue e altri costi del comparto possono essere coperti, in tutto o in parte, attraverso il capitale. Questo può erodere il capitale o ridurre il suo potenziale di crescita.
  • Questo fondo è destinato a essere utilizzato solo come componente di un portafogli d'investimenti diversificato. Gli investitori dovrebbero valutare con attenzione la percentuale del loro portafoglio investita in questo fondo.
  • Il Fondo potrebbe perdere denaro se una controparte con la quale effettua scambi non fosse più intenzionata ad adempiere ai propri obblighi verso il Fondo o non fosse più in grado di farlo.
  • Il comparto può avvalersi di strumenti derivati per contenere il rischio o per gestire il portafoglio in modo più efficiente. Questo comporta però ulteriori rischi, in particolare il fatto che la controparte dello strumento derivato non sia in grado di adempiere ai propri obblighi contrattuali.
  • Le azioni possono perdere valore rapidamente e in genere implicano rischi più elevati rispetto alle obbligazioni o agli strumenti del mercato monetario. Il valore dell’investimento può di conseguenza diminuire.
  • Qualora il comparto detenga risorse in valute diverse dalla sua valuta base o l’investitore investa in una classe di azioni in una valuta diversa da quella del comparto (a meno che non sia coperta dal rischio di cambio), il valore dell’investimento può subire variazioni in base alle oscillazioni dei tassi di cambio.
  • Se il Fondo o una determinata classe di azioni del Fondo cerca di ridurre i rischi (ad es. oscillazioni dei tassi di cambio), le misure adottate per conseguire tale obiettivo possono risultare inefficaci, non disponibili o deleterie.
  • Può diventare difficile valutare o vendere un titolo del comparto nel momento o al prezzo desiderato, soprattutto in condizioni di mercato estreme, quando i prezzi degli strumenti possono scendere incrementando il rischio di perdita dell’investimento.

Rating del rischio

Azione

Messaggio importante