Il persistere delle tensioni commerciali rende di importanza critica il posizionamento difensivo

27/11/2018

Scaricare

​La fiducia dei consumatori e delle imprese potrebbe creare opportunità nel 2019, tuttavia Marc Pinto, Portfolio Manager azionario e obbligazionario statunitense, ritiene che la politica commerciale rappresenti la maggiore minaccia per entrambi gli universi d'investimento. In questo approfondimento sottolinea l'importanza di adottare un posizionamento difensivo fino a quando le tensioni non saranno risolte.


Quali sono i temi principali che caratterizzeranno i mercati nel 2019?

Un'economia statunitense sana e il miglioramento della fiducia dei consumatori e delle imprese dovrebbero sostenere lo slancio del mercato azionario statunitense nel 2019. Prevediamo che la fiducia generale dei CEO e la loro maggiore certezza nei confronti del regime fiscale si tradurrà in continui investimenti aziendali nonché in operazioni di M&A. Sebbene i benefici immediati della riforma fiscale siano oramai alle spalle, il valore degli investimenti per la crescita deve ancora essere pienamente realizzato. Tuttavia, la sfida attuale riguarda il fatto che le imprese soppesano tali benefici rispetto ad altri timori, compresi quelli riguardanti la politica commerciale. Pur essendo ottimisti circa una risoluzione positiva, siamo consapevoli che le lotte commerciali in atto e l'esito politico conclusivo potrebbero avere un impatto significativo sulle azioni ad alta capitalizzazione degli Stati Uniti, sulla fiducia dei consumatori e delle imprese e sull'economia globale nel suo complesso.


Dove si trovano le opportunità e i rischi più importanti per la vostra asset class?

Data la forza economica, la contrazione dei mercati del lavoro e la discreta crescita salariale, ci aspettiamo che i consumatori continueranno a spendere anche nel 2019. Stiamo cercando di capitalizzare la solidità delle tendenze globali di viaggio e il desiderio di momenti esperienziali. Anche lo spostamento secolare verso una maggiore connettività e "l'Internet delle cose" dovrebbe creare opportunità, in particolare per i produttori di semiconduttori e di apparecchi per semiconduttori.

Inoltre, continuiamo a concentrarci sull'identificazione delle aziende che utilizzano forze dirompenti per migliorare i modelli di business e aumentare i margini. Le azioni industriali tradizionali e le azioni collegate ai trasporti dovrebbero continuare a trarne beneficio, in quanto integrano i miglioramenti tecnologici per creare crescita e generare efficienza. Ciononostante, anche queste forze dirompenti rappresentano un rischio. Siamo consapevoli del fatto che sanità e servizi finanziari probabilmente saranno i prossimi macrosettori maturi per accogliere la disruption, e la capacità delle aziende di combattere gli attacchi informatici è una preoccupazione crescente. Tuttavia, riteniamo che la politica commerciale sia la più grande minaccia per molte delle suddette tendenze e per le multinazionali di nostra proprietà. Dazi esosi sarebbero fonte di inflazione negli Stati Uniti e l'aumento dei costi di importazione potrebbe ridurre i margini di profitto, limitando la capacità degli esportatori statunitensi di competere sui mercati globali.


In che modo le vostre esperienze nel 2018 hanno modificato il vostro approccio o le vostre prospettive per il 2019?

L'escalation delle tensioni commerciali e la risposta globale ai dazi statunitensi ci hanno reso consapevoli di ciò che avverrà nel 2019. Senza una risoluzione commerciale particolarmente gravosa, è probabile che la fiducia rimanga elevata, l'inflazione contenuta e il mercato dei tassi d'interesse favorevole, creando un ambiente positivo per le azioni. Ma la stessa Federal Reserve costituisce un rischio, e ne stiamo monitorando la traiettoria nel caso in cui la banca centrale dovesse muoversi in modo più aggressivo di quanto giustificato causando uno stallo dell'economia statunitense. Considerate le incertezze che incombono all'orizzonte, per il 2019 ci siamo posizionati in modo più difensivo rispetto al 2018. Il ridimensionamento prudente delle posizioni e la disciplina volta a trarre profitto da aziende economicamente più sensibili saranno una parte importante del nostro approccio. Monitoriamo costantemente le esposizioni del portafoglio, in particolare nel settore industriale, per le imprese soggette al rischio commerciale. In caso di peggioramento delle condizioni, cercheremmo di ridurre ulteriormente la nostra esposizione agli industriali, tenendo ancora più in considerazione, in ottica più difensiva, le società dei beni di prima necessità che possono contare su fondamentali solidi.



Quali sono i temi che possono potenzialmente cambiare il corso dei mercati nel 2019? Scarica la nostra infografica per saperne di più




Queste sono le opinioni dell'autore al momento della pubblicazione e possono differire da quelle di altri soggetti/team di Janus Henderson Investors. Eventuali titoli, fondi, settori e indici citati nel presente articolo non costituiscono né fanno parte di alcuna offerta o invito all'acquisto o alla vendita.

I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri. Tutti i dati dei rendimenti includono sia il reddito che le plusvalenze o le eventuali perdite ma sono al lordo dei costi delle commissioni dovuti al momento dell'emissione.

Le informazioni contenute in questo articolo non devono essere intese come una guida all'investimento.

Ai soli fini promozionali.

Azione

Messaggio importante