Dividendi globali in crescita su livelli record nel 2017

20/11/2017

Scaricare

​Le distribuzioni globali sono salite nel 3° trimestre, con un balzo del 14,5% del dato complessivo, a 328,1 miliardi di dollari, un record per il 3° trimestre. Il tasso di crescita complessivo evidenzia l’aumento trimestrale più rapido in oltre tre anni, sospinto da dividendi straordinari particolarmente generosi. L’indice Janus Henderson Global Dividend ha così toccato il livello massimo in tre anni di 168,2. Alcune società si avviano a distribuire dividendi record nel 2017.
 

Dati di sintesi
  • I dividendi sono saliti del 14,5% attestandosi a quota 328,1 miliardi di dollari, il tasso di crescita complessivo più rapido in tre anni e un record in termini di distribuzione dei dividendi nel 3° trimestre
  • La crescita sottostante è stata dell’8,4%, il livello massimo in quasi due anni
  • I dividendi sottostanti sono in aumento in tutte le regioni, con nuovi record a Hong Kong, in Australia e a Taiwan
  • La crescita negli Stati Uniti è ancora robusta, il Regno Unito ha rimbalzato dopo aver rincorso gli altri Paesi nell’ultimo anno, mentre per la Cina è il terzo anno consecutivo in calo
  • Per il 2017 ci aspettiamo dividendi per 1.249 miliardi di dollari, un aumento del 7,4% in termini complessivi e del 7,3% in termini sottostanti
Fonte: Janus Henderson Investors

I dividendi sottostanti, ovvero rettificati per i tassi di cambio, i dividendi straordinari una tantum e altri fattori, sono cresciuti dell’8,4%, l’aumento più rapido in quasi due anni. I dividendi sottostanti sono cresciuti in ogni regione e settore, ma in modo piuttosto eterogeneo. Le performance più brillanti spettano al Regno Unito, che l’anno scorso era invece rimasto indietro rispetto al resto del mondo. I mercati emergenti sono stati l’anello più debole a causa del calo in Cina per il terzo anno consecutivo.
 
Pochissime società europee distribuiscono i dividendi nel 3° trimestre. La Spagna risente meno della stagionalità dei dividendi rispetto ai paesi limitrofi ed è di gran lunga il principale distributore nel 3° trimestre. La crescita dei dividendi nel paese da un po’ di tempo è inferiore al resto della regione ma ci sono segnali di miglioramento. Considerato il rafforzamento dell’euro, i dividendi sottostanti in Spagna sono saliti del 13,3%. In tutta Europa oltre il 90% delle società ha incrementato le distribuzioni rispetto all’anno precedente.
 

I dividendi in Nord America dominano il terzo trimestre, con quattro dollari su dieci delle distribuzioni globali. La crescita sottostante è stata rapida sia negli Stati Uniti che in Canada, rispettivamente del 9,2% e dell’11,0%. Ogni settore negli Stati Uniti ha registrato un aumento delle distribuzioni. Tra i settori che hanno distribuito dividendi più alti negli Stati Uniti, banche, software e semiconduttori hanno riportato aumenti a doppia cifra.
 
Il terzo trimestre è stato un picco stagionale per i dividendi erogati nella regione Asia Pacifico (Giappone escluso). Il totale è salito del 36,2% a 69,6 miliardi di dollari, in particolare grazie al dividendo straordinario una tantum pagato a Hong Kong. Anche la crescita sottostante è stata notevole, del 12,1%, con nuovi record a Hong Kong, in Australia e a Taiwan. L’Australia in particolare ha beneficiato della ripresa dei dividendi del settore minerario: l’aumento dei prezzi delle materie prime e la flessione dei costi hanno fatto salire molto gli utili del settore.
 
La maggior parte dei dividendi cinesi viene distribuita nel 3° trimestre. I dividendi sono scesi leggermente rispetto all’anno precedente; questo significa che nel 2017 la Cina potrebbe registrare il terzo anno consecutivo in perdita dopo anni di crescita ininterrotta. Negli altri mercati emergenti la crescita è in miglioramento.
 
I dividendi nel Regno Unito sono risaliti nel 3° trimestre dopo che l’anno scorso la crescita dei dividendi era risultata assai inferiore agli altripaesi, sia a causa della svalutazione della sterlina dopo il voto sulla Brexit, sia per una serie di tagli ai dividendi e annullamenti delle distribuzioni da parte di alcune delle principali società britanniche quotate. Nel 3° trimestre sono saliti al tasso sottostante più rapido al mondo, +17,5%, soprattutto grazie al settore minerario. Il totale per 29,6 miliardi di dollari risulta in aumento del 12,7% in termini complessivi.
 
Di fronte all’andamento dei dividendi su scala globale, Janus Henderson ha rivisto al rialzo la stima per il 2017 a un nuovo record pari a 1.249 miliardi di dollari, un aumento del 7,4% in termini complessivi e del 7,3% in termini sottostanti. Janus Henderson ha incrementato dunque la stima iniziale di 91 miliardi di dollari nel corso dell’anno.
 
Ben Lofthouse, gestore Global Equity Income di Janus Henderson, ha dichiarato: “Negli ultimi anni raramente abbiamo assistito alla crescita dei dividendi contemporaneamente in ogni regione del mondo. Mentre l’economia globale continua il processo di normalizzazione da lungo atteso dopo la crisi, la fiducia migliora e gli utili aziendali sono in aumento. Gli investitori orientati al reddito stanno beneficiando di questa crescita poiché queste dinamiche determinano un aumento dei dividendi.
 
Dopo un secondo e un terzo trimestre eccezionali, le società quotate globali sono indirizzate verso dividendi record quest’anno. La crescita sottostante è circa due volte più veloce rispetto a quanto previsto a inizio anno, anche grazie alla crescita economica globale ampia e sincronizzata. La crescita complessiva ha beneficiato invece dell’indebolimento del dollaro e dell’aumento dei dividendi straordinari.”
Fonte: Janus Henderson Investors

I rendimenti passati non sono garanzia dei risultati futuri. Investire nei mercati internazionali implica determinati rischi e un aumento di volatilità rispetto agli investimenti che si concentrano unicamente nel Regno Unito. Questi rischi comprendono le oscillazioni valutarie, l’instabilità economica e finanziaria, la mancanza di informazioni finanziarie puntuali o affidabili, nonché le dinamiche negative sul fronte politico o legale.

Queste sono le opinioni dell'autore al momento della pubblicazione e possono differire da quelle di altri soggetti/team di Janus Henderson Investors. Eventuali titoli, fondi, settori e indici citati nel presente articolo non costituiscono né fanno parte di alcuna offerta o invito all'acquisto o alla vendita.

I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri. Tutti i dati dei rendimenti includono sia il reddito che le plusvalenze o le eventuali perdite ma sono al lordo dei costi delle commissioni dovuti al momento dell'emissione.

Le informazioni contenute in questo articolo non devono essere intese come una guida all'investimento.

Ai soli fini promozionali.


Informazioni importanti

Si prega di leggere attentamente le seguenti informazioni sui fondi citati in  questo articolo.

Janus Henderson Global Equity Income Fund

Prima di effettuare un investimento, si prega di leggere tutta la documentazione. Prima di stipulare un contratto di investimento in relazione a qualsivoglia investimento di cui al presente documento, si invita a consultare il proprio professionista e/o consulente di investimento.

La performance ottenuta in passato non è indicativa dei rendimenti futuri. Il valore di un investimento e il ritorno che ne deriva potrebbero aumentare o diminuire. Di conseguenza, potrebbe non essere possibile recuperare il capitale investito in origine. Il regime fiscale può variare in funzione delle disposizioni di legge di volta in volta vigenti e l’entità dello sgravio fiscale dipenderà dalle singole circostanze.

Nel caso di investimenti effettuati tramite intermediari abilitati, si prega di rivolgersi direttamente a questi ultimi, in quanto costi, rendimenti e condizioni dell’investimento potrebbero differire sensibilmente.

Nulla nel presente documento è inteso come consiglio, né deve essere interpretato come tale. Il presente documento non costituisce una raccomandazione a vendere o acquistare alcun investimento, né fa parte di alcun contratto per la vendita o l'acquisto di investimenti.

Eventuali richieste di investimento saranno effettuate unicamente sulla base delle informazioni contenute nel prospetto (compresi tutti i documenti di riferimento pertinenti), che conterrà le limitazioni relative all'investimento stesso. Il presente documento è da intendersi unicamente come una sintesi e il potenziale investitore è tenuto a leggere il prospetto e, laddove disponibile, il documento contenente le informazioni chiave per l'investitore, prima di procedere all'investimento. Copie del prospetto del Fondo e del documento contenente le informazioni chiave per l'investitore (KIID) sono disponibili in inglese, francese, tedesco e italiano. L'atto costitutivo, le relazioni annuali e semestrali sono disponibili in inglese. Tutti questi documenti possono essere richiesti gratuitamente presso la sede legale di Janus Henderson Investors: 201 Bishopsgate, Londra EC2M 3AE.

Pubblicato in Europa da Janus Henderson Investors. Janus Henderson Investors è il nome con cui vengono forniti i prodotti e i servizi d’investimento da Janus Capital International Limited (n. di reg. 3594615), Henderson Global Investors Limited (n. di reg. 906355), Henderson Investment Funds Limited (n. di reg. 2678531), AlphaGen Capital Limited (n. di reg. 962757), Henderson Equity Partners Limited (n. di reg. 2606646) (ciascuna registrata in Inghilterra e Galles all’indirizzo 201 Bishopsgate, Londra EC2M 3AE e regolamentata dalla Financial Conduct Authority) e da Henderson Management S.A. (n. di reg. B22848, registrata all’indirizzo 2 Rue de Bitbourg, L-1273, Lussemburgo e regolamentata dalla Commission de Surveillance du Secteur Financier).

Le conversazioni telefoniche possono essere registrate per la nostra reciproca protezione, per migliorare il servizio clienti e per scopi di conservazione dei registri normativi.

Copie del prospetto del Fondo sono disponibili in inglese, francese, spagnolo, tedesco e olandese. I documenti contenenti le informazioni chiave per l'investitore sono disponibili in inglese, danese, tedesco, finlandese, francese, italiano, norvegese, spagnolo, svedese e olandese. L'atto costitutivo, le relazioni annuali e semestrali sono disponibili in inglese. Tutti questi documenti possono essere richiesti gratuitamente presso gli uffici locali di Janus Henderson Investors: 201 Bishopsgate, Londra, EC2M 3AE per investitori di Regno Unito, Svezia e Paesi scandinavi; Via Dante 14, 20121, Milano, Italia, per investitori italiani e Roemer Visscherstraat 43-45, 1054 EW, Amsterdam, Paesi Bassi per investitori olandesi; e presso: l’Agente pagatore austriaco Raiffeisen Bank International AG, Am Stadtpark 9, A-1030 Vienna; l’Agente pagatore francese BNP Paribas Securities Services, 3, rue d’Antin, F-75002 Parigi; l’Agente informativo tedesco Marcard, Stein & Co, Ballindamm 36, 20095 Amburgo; il Fornitore di servizi finanziari belga CACEIS Belgium S.A., Avenue du Port, 86 C b320, B-1000 Bruxelles; il Rappresentante spagnolo Allfunds Bank S.A. Estafeta, 6 Complejo Plaza de la Fuente, La Moraleja, Alcobendas 28109 Madrid; il Rappresentante a Singapore Janus Henderson Investors (Singapore) Limited, 138 Market Street, #34-03 / 04 CapitaGreen Singapore 048946; o il Rappresentante svizzero BNP Paribas Securities Services, Parigi, succursale di Zurigo, Selnaustrasse 16, 8002 Zurigo, che agisce anche in qualità di Agente pagatore svizzero.

Rischi specifici

  • Le spese di gestione annue e altri costi del comparto possono essere coperti, in tutto o in parte, attraverso il capitale. Questo può erodere il capitale o ridurre il suo potenziale di crescita.
  • Questo fondo è destinato a essere utilizzato solo come componente di un portafogli d'investimenti diversificato. Gli investitori dovrebbero valutare con attenzione la percentuale del loro portafoglio investita in questo fondo.
  • Il Fondo potrebbe perdere denaro se una controparte con la quale effettua scambi non fosse più intenzionata ad adempiere ai propri obblighi verso il Fondo o non fosse più in grado di farlo.
  • Il comparto può avvalersi di strumenti derivati per contenere il rischio o per gestire il portafoglio in modo più efficiente. Questo comporta però ulteriori rischi, in particolare il fatto che la controparte dello strumento derivato non sia in grado di adempiere ai propri obblighi contrattuali.
  • Le azioni possono perdere valore rapidamente e in genere implicano rischi più elevati rispetto alle obbligazioni o agli strumenti del mercato monetario. Il valore dell’investimento può di conseguenza diminuire.
  • Qualora il comparto detenga risorse in valute diverse dalla sua valuta base o l’investitore investa in una classe di azioni in una valuta diversa da quella del comparto (a meno che non sia coperta dal rischio di cambio), il valore dell’investimento può subire variazioni in base alle oscillazioni dei tassi di cambio.
  • Se il Fondo o una determinata classe di azioni del Fondo cerca di ridurre i rischi (ad es. oscillazioni dei tassi di cambio), le misure adottate per conseguire tale obiettivo possono risultare inefficaci, non disponibili o deleterie.
  • Può diventare difficile valutare o vendere un titolo del comparto nel momento o al prezzo desiderato, soprattutto in condizioni di mercato estreme, quando i prezzi degli strumenti possono scendere incrementando il rischio di perdita dell’investimento.

Rating del rischio

Azione

Messaggio importante